NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Vern D

Descrizione dell'esperienza: 

Nel 1974, ero un membro al servizio dell'Esercito Britannico di stanza a Cipro e impegnato nel lavoro ci collaborazione con la 'Agenzia di Sicurezza Nazionale'. La sera del 28 novembre 1974, io (insieme ad altri) stavo bevendo qualche drink al bar locale. Continuai ad 'alzarmi' durante tutta la notte per andare in bagno. In una occasione, camminai intorno a degli 'armadi' sparsi per la stanza, ma inciampai contro un ostacolo e caddi a capofitto sul pavimento. Purtroppo, sul pavimento c'era una 'scatola del soldato', un piccolo armadietto in acciaio stampato. Appena caddi a terra, colpì la testa con forza contro uno dei suoi spigoli vivi. Sentì un dolore incredibile per una frazione di secondo, e poi mi alzai.

Mentre ero in piedi, non potevo sentire alcun dolore. Toccai la mia testa e non riuscii a trovare nessun danno reale. Camminai senza dolore (e senza alcuna mancanza di funzioni) verso il tavolino che si trovava di fronte ad una delle finestre della stanza-caserma. Anche se era ancora piuttosto buio, potevo chiaramente vedere gli altri occupanti della stanza. Sentivo che ero rimasto gravemente ferito e che doveva arrivare qualcuno per aiutarmi. Camminai per la stanza guardando le altre persone addormentate nei loro letti, ma per qualche ragione sapevo che non potevo svegliarli. Mi sedetti al tavolo e tentai di completare puzzle di un bambino che riuscivo a malapena a ricordare: 'contare 23 fiammiferi'. Facevo questo per passare il tempo, ma in realtà volevo che qualcuno mi trovasse e mi desse delle cure mediche.

Quando guardai fuori dalla finestra, la luce appariva (mi rendo conto che questo suona stupido) 'troppo gialla' o 'd'oro' e sembrava esserci un limite a quello che potevo vedere (questo limite potrebbe essere stata la nebbia mattutina) . Dopo un po' (non ho idea di quanto tempo), ho avuto il pensiero che se qualcuno avesse trovato il mio corpo mentre io ero seduto qui, avrebbero potuto perdermi... (un pensiero sinistro). Così camminai di nuovo verso il mio 'posto letto' (situato dietro gli "armadietti" nella parte inferiore di un 'letto a castello'). Guardai verso una delle persone che dormivano e questa è l'ultima cosa che ricordo fino a quando mi 'svegliai' il 3 dicembre 1974. 

Essendo stato tutto così reale, non avevo motivo di credere che ciò che avevo vissuto non si fosse verificato 'fisicamente' e ​​quindi raccontai la mia storia a una delle infermiere. Lei continuava ad affermare che ero stato trovato, 'poco dopo le 5:00' sdraiato nel punto in cui avevo colpito la testa. Mi disse che non avrei potuto camminare per la stanza ecc, poiché nessuno si sarebbe potuto muovere con il livello di lesioni che avevo subito. Mi disse anche che ero stato trovato in stato di ipotermia e che ero 'morto due volte', una volta in ambulanza, e poi di nuovo nella sala operatoria 

Assunzione di farmaci o sostanze che potevano influenzare l’esperienza:    Si.     (Lui risponde di no, ma di fatto nel racconto dichiara di aver bevuto quella sera)

È stato difficile tradurre in parole l'esperienza?  No.     

Il momento dell’esperienza avvenne in concomitanza con un evento che minacciava la vita?  Si. Una grave lesione alla testa.      

Qual era il vostro livello di coscienza e vigilanza durante l’esperienza?  Pienamente cosciente, ma sentivo che non potevo svegliare nessuno o comunicare con loro. Speravo solo che qualcuno si svegliasse e mi trovasse, in modo da darmi l'aiuto di cui avevo bisogno. Mi sentivo senza effetti fisici negativi , ma sapevo che avevo bisogno di aiuto.

L’esperienza era come un sogno? No. Era così reale che credevo che fosse totalmente un dato di fatto. Sono stato costretto a cambiare questa convinzione dopo aver sentito l'infermiera dire che il mio corpo giaceva nel punto in cui ero caduto, e successivamente lei e i medici mi informarono che nessun movimento sarebbe stato possibile nelle mie 'condizioni'.

Hai sperimentato una separazione della coscienza dal corpo?    A parte gli strani effetti menzionati precedentemente, io ero convinto di essere ancora 'dentro' il mio corpo.

Quali emozioni hai provato durante l’esperienza?  Frustrazione per il fatto che le persone nella stanza non si sarebbero svegliate. Sentivo di aspettare che qualcosa accadesse.

Avete sentito dei rumori o dei suoni insoliti?  Non potevo sentire alcun rumore (almeno che io ricordi).

Sei passato in un tunnel o in un recinto?    No.     

Hai visto una luce?  Si. La luce dell'alba era molto strana.

Hai incontrato o visto altri esseri?  No. Gli unici altri esseri che ho visto erano le persone vive nella stanza.

Hai sperimentato una revisione degli eventi passati nella tua vita?    No     

Durante la tua esperienza hai osservato o ascoltato cose che riguardavano persone o eventi che potevano essere verificati in seguito?    No.  A parte le strane occhiate che ho ricevuto dopo che ho raccontato la mia storia al personale medico, non ho avuto la possibilità di verificare nulla, ero infortunato e mi mandarono di nuovo nel Regno Unito d'emergenza.    

Hai visto o visitato posti, livelli o dimensioni meravigliose o distinte?    No.     

Hai avuto la sensazione di tempo o spazio alterati?    No.     

Hai avuto la sensazione di una conoscenza speciale, di un ordine o uno scopo universale?    No.     

Hai raggiunto un confine o una struttura fisica limitante?    Si.  Sentivo un confine autoimposto. Sentivo che se mi fossi spostato troppo lontano dalla 'scena' e qualcuno 'mi' avesse trovato ed 'Io' non c'ero, allora la situazione sarebbe diventata veramente grave.

Hai avuto conoscenza di eventi futuri?   No.     

Sei stato coinvolto o consapevole della decisione di ritornare nel corpo?    Si.   Sapevo che dovevo tornare dove mi ero ferito. Avevo paura di 'andare a vedere', ma decisi che dovevo tornare indietro. Non riesco a ricordare di aver visto 'me stesso'. 

Hai acquisito poteri psichici, paranormali o altri particolari doni dopo l'esperienza, che non avevi prima?    No.     

Dopo l’esperienza avete cambiato atteggiamento o convinzioni?    Si.  Credo che qualche volta i 'morti' non sappiano di esserlo. 

Hai condiviso questa esperienza con altri?    Si.   Mia moglie. Lei non vuole proprio saperne 'in nessun caso'.  Dubito seriamente l'utilitá di introdurre l'argomento in 'qualsiasi altra conversazione' alla fine di qualche riunione. 

Quali emozioni hai provato dopo la tua esperienza?  Grande dolore fisico. Mi risvegliai 5 giorni dopo.

Quale fu la parte migliore e quale la peggiore della tua esperienza?  Essere sopravvissuto è stata la parte migliore, mentre il dolore fisico (provato al mio risveglio, 5 giorni dopo) è stata la parte peggiore.

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere riguardo all’esperienza?  Se avessi potuto scegliere, avrei evitato l'intera esperienza.

É cambiata la tua vita in particolare a seguito della tua esperienza?    Si.  Problemi motori.    

In seguito all’esperienza hai avuto altri eventi nella tua vita? Medicine o sostanze che riproducessero una qualunque delle parti dell'esperienza?    No.     

Le domande a cui hai risposto e le informazioni fornite descrivono accuratamente ed esaurientemente la tua esperienza?    Si. Per quanto le 'parole scritte' possano adeguatamente trasmettere le emotioni.     

Si prega di offrire tutti i suggerimenti che avete per migliorare il questionario www.nderf.org   Non me ne viene in mente nessuno.