NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Valerie

 

Descrizione dell’esperienza:

Vidi la figura di un uomo incedere verso l'alto, allontanandosi da me. Ricordo che pensai quanto apparisse calda e soffice la sua veste, benchè apparisse molto vecchia e logorata, con gli orli usurati e un pezzo strappato su di un lato. Era una tonalità calda di beige. Ricordo che pensai che se avessi potuto toccarla, sarebbe stata così soffice e calda.

Lo seguii mentre saliva allontanandosi. Ero ansiosa di poterlo raggiungere per poter semplicemente toccare la sua veste. Divenni allora consapevole di un chiarore, di una luce in alto ed intorno e la cui sorgente era davanti a lui, e che ci stavamo muovendo in direzione di questa sorgente. Mentre diveniva sempre più brillante, ne venni avvolta dal calore. Non mi resi conto che proveniva dalla luce e quando guardai in alto, lì uomo si girò e mi guardò negli occhi. La luce era dietro di lui, emanava attraverso un corridoio, come una specie di porta entro un muro costruito in pietra e con molti arbusti di vite inerpicati ad entrambi i lati. Si voltò e mi guardò, mi guardò negli occhi, ma la luce era dietro di lui ed era come guardare qualcuno mentre il sole sta dietro di lui, solo molto più brillante e con colori molto più definiti. L'uomo era a malapena distinguibile tranne che per i suoi occhi che guardavano dritto nei miei. Sentii molto chiaramente, nella mia testa ma non come pensieri, nella mente ma non come qualcosa di mio, sentii dire "le preghiere dei giusti ottengono risposta". Sentii un amore avvolgersi solido attorno a me ed era come solo un amore incondizionato può essere. Un amore che non riesco ad esprimere adeguatamente con le mie parole. Un amore che era al di sopra della conoscenza. Un amore perfetto e solido e totale diverso da quel che intendiamo noi qui sulla terra.

Compresi delle cose riguardo al giudizio ed al giudizio perfetto che noi impartiamo a noi stessi. E il giudizio era giusto, non vi erano liti o dinieghi, il giudizio era in noi stessi ed era uno in noi e con lui... era la stessa cosa... era totale e completo. Percepii cose di quando ero bambina ed erano così reali e belle e al tempo stesso così semplici, il profumo era puro e il calore e la sensazione era come un infante sulla mia schiena nel chiarore del sole e il senso di frescura di erba fresca sotto i miei piedi nudi. Il ricordo della bontà e della purezza, innocenza, accettazione, amore... non volevo andarmene di lì. Volevo entrare dentro quella bella luce. Volevo toccare l'uomo. Sentire il calore della sua veste e rimanere lì, ma capii che non avrei potuto entrare nella luce. Egli mi bloccava l' ingresso con il suo amore totale e i suoi occhi erano ricolmi di amore. Sapevo di stare guardando la gloria di Dio, e che non avrei potuto fissarla direttamente.

Come affiggere gli occhi sul sole. Quando sentii le parole, venni immediatamente catapultata dentro il mio corpo nella maniera più terribilmente dolorosa sentendone il peso e la mole. Non posso descrivere quel dolore ed il freddo, la pesantezza, e la separazione da quell' amore. Quando mi risvegliai pregai e ringraziai Dio, che qualcuno che era un giusto avesse pregato per me. Non capivo le Scritture all' epoca. Che coloro che sono uno in Cristo sono i giusti del Signore, per virtù di Gesù Cristo. Così pregavo ringraziando Dio che qualche giusto avesse pregato per me. Non ho più smesso di pregare da quel giorno, e cerco di spiegare il potere della preghiera a chiunque voglia ascoltarmi. Forse un giorno troverò le parole per descrivere l' indescrivibile, ma quel che più di ogni altra cosa cerco di sperimentare è il flusso di amore che da me può passare agli altri. Un amore totale, incondizionato... verso tutti gli altri... ho attraversato molti altri cambiamenti da allora e ho ancora tanto da imparare. Sono stata cresciuta nel sud, nella fede battista, ma non sentivo per queste cose fino a quel giorno... ma io ora credo, perchè ora io so. Dio è amore e il Suo amore è totale solido e immutabile. Io credo.

Assunzione di farmaci o sostanze che potevano influenzare l’esperienza: Incerta. Durante l'intervento chirurgico mi venne sicuramente somministrato qualcosa per rendermi incosciente. Venni sottoposta anche ad ipotermia e il battito cardiaco venne ridotto al minimo, per finalità chirurgiche e cioè per prevenire l' eventualità di emorragie.

È stato difficile tradurre in parole l'esperienza? Sì. Non esistono parole umane per descrivere l'amore perfetto, i colori e la luce sono indescrivibili secondo i termini a noi disponibili. Alcune cose che non possono essere dette altre che non dovrebbero essere dette, poichè c'è il senso di una conoscenza e di una sapienza che non possono essere tradotte in parole. Un amore travolgente è una cosa molto difficile da descrivere.

Il momento dell’esperienza avvenne in concomitanza con un evento che minacciava la vita? Incerta. Durante l' esperienza era in corso un intervento chirurgico per un aneurisma a una delle principali arterie cerebrali. Mi venne detto che era profondo e inoperabile e che conoscevano un solo chirurgo che avrebbe potuto tentare un simile intervento, e che le tecnologie per la procedura erano inadeguate. Mi vennero esposti i rischi annessi, e mi venne detto che un aneurisma normalmente scoppia quando raggiunge le dimensioni di un centimetro e questo era a nove decimi di centimetro. Capivo che rischi correvo.

Qual era il vostro livello di coscienza e vigilanza durante l’esperienza? Mi trovavo in sala operatoria ed ero stata posta in una condizione di morte simulata al fine di eseguire un intervento cerebrale. Il flusso sanguigno era stato pressochè interamente interrotto al fine di prevenire emorragie ed ictus. L'aneurisma si trovava alla biforcazione della principale arteria che porta nutrienti ed ossigeno al cervello. Quello che a me parve solo un istante furono in effetti sette ore.

L’esperienza era come un sogno? No, non vi era la sensazione che questo fosse altro, altro che... era più reale di quanto è reale qui adesso. In effetti, era molto più reale che qui.

Hai sperimentato una separazione della coscienza dal corpo? Incerta. Non sentivo il peso del corpo, ma non vidi me stessa. I miei occhi erano fissi su quell' uomo e sulla sua veste e sulle altre cose tutto intorno a me.

Quali emozioni ha provato durante l' esperienza? Amore, amore totale, solido, amore perfetto. Amore al di là della comprensione, amore e l' esperienza di un amore che non può davvero esser messo in parole umane... non esistono parole per quel sentimento... solido, amore totale.

Avete sentito dei rumori o dei suoni insoliti? Cosa sentivo... io sapevo. Più che sentire era come un sapere dentro. sentivo che parlava risuonando in me, eppure era lui.

Sei passato in un tunnel o in un recinto? Incerto. Ho seguito quest' uomo e non fui pienamente consapevole dell' ambientazione finchè non si fermò per girarsi e stare immobile davanti alla porta che recava alla luce.

Hai visto una luce? Sì e vorrei... ma mi mancano le parole... tutte le luci ed una luce sola, un po' come il sole ma multiplo perchè conteneva tutte le luci... non saprei trovare le parole, non esistono paragoni, era ed è luce, luce con sentimenti e splendore e amore.

Hai incontrato o visto altri esseri?Sì. Lui.

Hai sperimentato una revisione degli eventi passati nella tua vita? Sì. Il giudizio è giusto e completo.

Durante la tua esperienza hai osservato o ascoltato cose che riguardavano persone o eventi che potevano essere verificati in seguito? Incerto. Ho ritrovato molte delle esperienze nelle Scritture. Ma non ho tentato di trovare tutti i riscontri. Non ne ho bisogno.

Hai visto o visitato posti, livelli o dimensioni meravigliose o distinte? Sì. Salendo i vari gradini della luce, l' ingresso alla luce, un ingresso circondato da mura, e la grande luce era al di là di questa porta.

Hai avuto la sensazione di tempo o spazio alterati? Incerto. Quel che sembrava solo un istante a me, furono in realtà sette ore, ma non me ne capacitai finchè non tornai.

Hai avuto la sensazione di una conoscenza speciale, di un ordine o uno scopo universale? Sì. La porta è stretta e pochi possono passarvi. La strada è segnata ma molti sono ingannati e non vi entreranno.

Hai raggiunto un confine o una struttura fisica limitante? Sì. Non ebbi la possibilità di scegliere se volevo entrare o meno. E' e saranno sempre Lui ed il giudizio giusto a decidere.

Hai avuto conoscenza di eventi futuri? Sì. Non mi è permesso ripeterli eccezion fatta che qualcosa accadrà presto, siate preparati e siate giusti, fate il bene ed amate Dio e l' uomo. Guardate verso l'alto. E' tutto vero. Ed Egli soffre anche per noi, perchpè nessuno dovrebbe perire.

Sei stato coinvolto o consapevole della decisione di ritornare nel corpo? Sì. Non avrei voluto venir via da lì, ma era opportuno al tempo stesso. Capii che era così e che non vi era motivo di discutere. Era giusto ed equo.

Lo avete psichici, paranormali o di altri particolari doni seguente l'esperienza non ha avuto la prima esperienza? Sì. Mi sono stati dati dei doni ma non sono per me, ma per coloro che hanno bisogno a discrezione e tempistica di Dio. Sarebbe fatuo da parte mia credere che io ne abbia alcun controllo eccetto attraverso la preghiera e la supplica a Dio. Pregare per gli altri, e lasciare che Dio faccia il suo lavoro perfetto.

Dopo l’esperienza avete cambiato atteggiamento o convinzioni? Sì. Non credo che i doni che ci vennero spiegati nelle Scritture fossero intesi per oggi. Io ora credo, io ora so. La Sua Parola è vera fin alla più minima particola. Ed è per sempre, sarà sempre vera.

L'esperienza ha colpito i vostri rapporti? La vita quotidiana? Pratiche religiose ecc? Scelte di carriera? Molto. Io ora credo. Pratico e pratico e ancora pratico la Sua Parola nella mia vita, perdono, amore, compassione, pentimento, preghiera, adorazione e lode.

Hai condiviso questa esperienza con altri? Sì. incontro dubbi e incredulità di solito, talora mettono anche in dubbio la mia sanità mentale, altre volte fanno spallucce come se si trattasse di nulla d' importante.

Quali emozioni hai provato dopo la tua esperienza? Amore per tutti gli altri, timore e rispetto per Dio. Ci sono molti sentimenti ed emozioni che ora provo per gli altri, ma la più travolgente di tutte è la compassione.

Quale fu la parte migliore e quale la peggiore della tua esperienza?La parte migliore è l'amore che diventa conoscenza. La parte peggiore, il momento della separazione quando dovetti tornare.

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere riguardo all’esperienza? Moltissime cose. Abbiamo poco tempo e dobbiamo credere. Dio è amore e il Suo amore è per tutti. Possiamo aver fede e credere. E' più reale del reale, più vero e più eterno... credeteci!

Ha cambiato la vostra vita in particolare a seguito della tua esperienza? Sì. Ho imparato a perdonare e ho imparato che amare gli altri è... in effetti l'amore è qualcosa che passa attraverso di noi ma che non si origina in noi. Ho appreso la compassione, la pazienza, la gioia, la misura nelle situazioni, perchè c'è un Dio, un Cielo, e una Strada, e passano attraverso di Lui, Gesù Cristo, Figlio di Dio, un libero dono d' amore.

In seguito all’esperienza hai avuto altri eventi nella tua vita? Incerto. Ci sono state delle circostanze che sembrava... di solito quando mi raccolgo in preghiera nella mia stanza, talora anche in chiesa, una o due volte, in maniera del tutto inattesa, e senza che io vi pensassi intenzionalmente, molte volte ho sentito la presenza di un qualcosa che emanava profumi stupendi, come fosse un roseto ma più puro, più semplice e più dolce. HO avuto sensazioni che sarebbero difficili da spiegarsi a chicchessia, ho sentito i pensieri e il dolore di altre persone... la ferita e il cuore infranto di coloro che si sono perduti, e compassione per coloro che non hanno compassione, e amore per coloro senza amore e per coloro che non sarebbero da amare.

Le domande a cui hai risposto e le informazioni fornite descrivono accuratamente ed esaurientemente la tua esperienza? Sì. In un certo senso. Ma c'è molto, molto altro di non detto... di indicibile.

Si prega di offrire tutti i suggerimenti che avete per migliorare la www.nderf.org questionario? Prego che io possa condividere dell' altro e presto, c'è molto altro, tuttavia, è davvero così semplice in realtà... credete, amate il Signore nostro Dio, con tutto il cuore e l' anima e la mente, e amate gli altri come voi stessi e ricordate che il Giudizio è giusto e perfetto e senza dubbi. Tutti saremo innanzi al giudizio dell' amore, il giudizio finale, nell' eterno.