NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Valerie K - OBE

DESCRIZIONE DELL’ESPERIENZA

Era  nel gennaio o febbraio 1968. Stavo visitando un’ amica  che abitava   tre appartamenti più giù.  Era un sabato pomeriggio come tanti altri, tutto era    normale. Il ragazzo della mia  amica era  venuto  a  trovarla assieme ad un altro suo amico.  Volevano sapere se eravamo disposte ad accompagnarli  a vedere le corse automobilistiche.   L’idea ci piacque: pensammo che ci saremmo potuto divertire.  Così tornai un momento a  casa mia a prendere una giacca mentre loro mi  aspettavano. 

 Ero appena arrivata alla porta d’ingresso  quando, all'improvviso, mi sono trovata  in un posto in mezzo ad  una fitta foresta. Guardando intorno a me, ho capito che mi trovavo in una  giungla,  e  stavo seguendo un piccolo drappello di soldati (americani). I due soldati in fondo alla file si sono  fermati e voltati quando  sono inciampata in  una liana, e così mi hanno aiutata ad attraversare un tratto di boscaglia molto fitta.  Non sembravano affatto  sorpresi  di vedermi là  (a me:  una civile!)  anche dopo che si erano  accorti della mia presenza.

            Dopo aver camminato un poco con loro, mi sono resa conto di trovarmi  in Vietnam. Ho tranquillamente parlato con i soldati mentre camminavamo. Mi sono poi resa conto che il soldato che marciava alla testa della colonna  era uno dei miei  più cari amici del liceo ( fu l'unico che avevo riconosciuto). Ho chiesto scusa ai miei due compagni di marcia, ed ho iniziato a risalire la colonna per andare a parlare col mio amico (lui e io eravamo stati molto uniti  quando eravamo al college ed ero felice di  vederlo). Mentre stavo per arrivare in cima alla fila, un altro soldato mi  afferrò per il braccio e mi impedì  di andare avanti, proprio un attimo prima che raggiungessi il mio amico.  In quel preciso istante sentimmo  un clic. Il mio amico aveva calpestato una mina. La potenza dell'esplosione mi sbalzò   indietro facendomi andare a sbattere contro un albero. Cacciai un  urlo e vidi il mio corpo tutto sporco di fango e del sangue  che era schizzato.

Un attimo dopo, mi sono di nuovo ritrovata  nell’ingresso del mio appartamento, ho sentito un rumore di passi affrettati,  era la mia amica  e i due ragazzi che mi avevano aspettata, che accorrevano a vedere quanto stava accadendo.  Mi trovarono in piedi sulla soglia, con le mani aggrappate  ad  entrambi i lati dello stipite, con macchie di sangue e di fango  sui vestiti e sul viso, la spalla destra mi faceva male: era gonfia e stava diventando livida.   Aveva subito una contusione  al momento dell’impatto  contro l'albero. Inutile dire che quel giorno non andammo più  a vedere le corse,  ci volle  del tempo prima che i miei amici riuscissero a calmarmi.  Avevo già avuto molte esperienze di questo genere, non era quindi  questo che mi aveva sconvolto, fu piuttosto il fatto di aver visto quello che era successo al mio caro amico.

        Sebbene  l’abbiano poi  rimessa  in sede, il problema alla spalla sussiste ancora oggi.  I medici non riescono a capire il perché!

Era  un giorno normale, non ero affatto stressata, non avevo nessun tipo di malattia. Ero perfettamente sveglia quando tutto questo è successo. Non  prendevo alcun trattamento  farmacologico né droga di nessun genere;   né ho mai cercato spontaneamente di vivere questo tipo di esperienza.

 Io credevo che le mie esperienze fossero del genere “Uscite fuori dal corpo”  ( in inglese vengono chiamate  O.B.E.  :  out of the body experiences) tuttavia, secondo quanto ho sentito dire, le mie esperienze erano piuttosto  delle “Proiezioni Astrali”. Queste mi accadono spesso, talvolta accompagnate da prove, tracce  materiali, a volte no.

L’esperienza potrebbe essere stata potenzialmente causata o influenzata dall’assunzione di medicine o altre sostanze?  No.

Questo tipo di esperienza è stata difficile da esprimere a parole? No.

L’esperienza si è verificata in concomitanza con una situazione di pericolo di vita?  No

Qual era il vostro stato di coscienza e di lucidità  durante l'esperienza? Ero completamente  sveglia.

In un certo senso, l'esperienza somigliava a  un sogno? No.

Avete vissuto una separazione del vostro io cosciente dal vostro corpo? No.

Che emozioni hai provato durante l'esperienza? Prima di tutto la curiosità di sapere dove mi trovassi,  poi la gioia di essere alla presenza del mio amico.

Poi sgomento e orrore quando l’ho visto calpestare la mina e saltare in aria. .

In seguito il dolore di averlo perduto.

Infine, due settimane dopo, ricevetti una lettera da mia madre che mi confermava tutto quello che avevo visto, finanche il giorno e l’ora dell’avvenimento.  Non voglio mai più rivivere qualcosa di così orribile.

In seguito, passato il dolore,   mi sono riconciliata con questi avvenimenti che comunque fanno sempre parte della mia vita.

Avete sentito suoni o rumori insoliti? Sì. Tutti i miei sensi erano intatti. Ho sentito passi felpati dei soldati, il fruscio delle foglie degli alberi, il cinquettìo degli uccelli, ho sentito il contatto con il  fango e la muffa della giungla, ho sentito  l’umidità sulla mia pelle.

DESCRIZIONE DEI POSTI:  avete  riconosciuto  luoghi familiari oppure   luoghi corrispondenti a quelli descritti negli  insegnamenti religiosi,  ovvero luoghi abitati da creature  incredibili o sorprendenti ? Sì. Ero nella giungla del Vietnam. Non vi  ho visto nessuna creatura particolare, soltanto i soldati con i quali ho camminato, ho però sentito il canto di uccelli.

Avete visto una luce? No. Non come la grande luce di cui si parla nelle  storie di NDE.   Solo sprazzi di luce qua e là, quando i raggi avevano  trovato uno spiraglio tra le chiome degli alberi.

Avete  incontrato o veduto altri esseri? No. Solo soldati.

Avete provato esperienze durante l'assenza del corpo o in un altro stato alterato? Non c'era modo che chiunque possa sapere di questo evento prima che si verifichi. Come ho detto, è stato confermato due settimane dopo, da una lettera, quando mia madre mi ha scritto su di esso.

Avete visto o sentito durante la vostra esperienza, qualcosa riguardo a persone o eventi che poi avete potuto verificare in seguito? Sì. Vedi n. 12

Avete  fatto attenzione a come funzionavano i vostri  5 sensi e,  in caso affermativo, avete notato qualche differenza?   I miei sensi erano normali, come tutti i giorni. Vedere n. 8.

Avete avuto  conoscenza di eventi futuri? Sì.   Ma non proprio il futuro, io ero esattamente lì,  quando e dove esattamente è accaduto il fatto.

L'esperienza ha influenzato in qualche modo i vostri rapporti con gli altri? La vostra vita quotidiana? Le vostre pratiche religiose? Le vostre scelte di lavoro?   Come ho detto, questo tipo di esperienze mi sono capitate molte volte da quando avevo l'età di tre anni. Questa esperienza particolare  si discosta dalle altre per il fatto che riguardava la perdita di un amico caro e le circostanze in cui ciò è avvenuto, come pure per le conseguenze fisiche dopo l'evento.

La vostra vita è cambiata in particolare a seguito di questa esperienza? Non

Avete raccontato questa esperienza ad altre persone? Sì. Sono molto prudente  riguardo alla scelta delle  persone a cui posso raccontare queste esperienze. Comincio in genere con quelle che sono meno straordinarie  per tastare il terreno  prima di raccontare le esperienze più forti, come questa. Poche persone ne sono a  conoscenza. Per quanto riguarda le persone a cui ne  ho parlato, io non sono nemmeno sicura che tutti mi credano.

Che emozioni hai provato dopo la tua esperienza? Vedere n. 7

Qual è stata la parte migliore e peggiore della vostra esperienza? La parte migliore è stato vedere il mio amico per l'ultima volta, il peggio è stato averlo perso.

C'è qualcos'altro che volete aggiungere? Ero al corrente  della guerra del Vietnam come chiunque altro, a quell’epoca;  ma non ci pensavo più di tanto.

Non ho mai fatto parte di alcun movimento contro lo guerra    e  non me ne interessavo nemmeno di seguire gli ultimi avvenimenti. .  Ignoro il motivo per il quale sono stata “proiettata” in Vietnam, se non, probabilmente, per poter rivedere il mio amico per l'ultima volta.

Dopo l'esperienza,  altri fattori nella vostra vita, come farmaci o sostanze, hanno riprodotto in tutto o in parte questo tipo di esperienza? Sì. Io in realtà vissuto molti eventi prima e dopo di questo.

Le domande poste e le informazioni che avete appena fornito, descrivono esaurientemente e con precisione  la vostra esperienza?  Sì.  Sebbene  la mia esperienza può essere un po’ insolita, questo tipo di avvenimento (le proiezioni  astrali)  è sempre stato normale per me. Io non posso controllarle in alcun modo, si producono per conto proprio,   a volte quando mentre sono sveglia a volte mentre  dormo, a volte quando sono da sola a volte  quando sto in compagnia. So soltanto  che c’è qualcosa di importante: io vado!

Non conservo mai il ricordo di aver lasciato il mio corpo né di ritornarci dentro, benché in qualche rara occasione  abbia avuto la consapevolezza di  galleggiare  al di sopra del mio corpo.

Grazie per ogni eventuale suggerimento di  migliorare il questionario: voi potreste dapprima fare domande sulle  manifestazioni fisiche presenti dopo l'episodio.