NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Traci

Descrizione dell'esperienza: 

Avevo 16 anni. Ricordo che camminavo verso la macchina, ma non ricordo di esservi entrata. Stavamo guidando, a circa 10 minuti dal nostro arrivo, quando è avvenuto l'incidente.

Buio per un attimo, subito ci fu una luce bianca, un suono (umm), la sensazione di scorrere (come il vento) - molto più veloce di quanto avrei immaginato dalla lettura di altri racconti di tunnel, ma posso descriverlo come un tunnel. Poi, il buio totale, ma non nel senso di un buio che impedisce agli occhi di vedere, perché non abbiamo bisogno di occhi lì. Buio è solo una parola per descrivere il "vuoto" (di possibilità, mancanza di limitazioni, completa interezza), dove non c'è bisogno di vedere. Mi rendo conto che tutto va bene, e questo è tutto molto più reale, bello, amorevole ed ha più senso, rispetto al mondo materiale che in precedenza pensavo fosse la "vita". 

So che non fa alcuna differenza se io ritorni nel mio corpo - questo è il momento in cui distinguo me stessa dal pensiero della "totalità naturale" . C'è un corpo e io brevemente e    consapevolmente rivolgo la mia attenzione al rumore e alle attività in corso al di sotto, dove ci sono persone  che vanno avanti e indietro in stato di estrema agitazione. Non sento alcun attaccamento - neanche verso i miei amici in macchina - non mi chiedo minimamente la portata delle loro ferite. So che c'è un'opzione - di andare avanti e non tornare. 

Quando mi concentro sulla questione del ritornare o meno, mi separo da quello che ora posso descrivere come "interezza naturale" o "essenza celeste" - questo è quando il pensiero inizia in una forma di linguaggio - Comincio a delineare, specificare, mettere a fuoco ciò che può essere compreso nel contesto "normale" . Non vi è alcun giudizio di valore o scopo e io non sono davvero sicura sul perché decido di tornare - è come se lo avessi già capito, ad un livello che non richiede alcun dialogo, quindi non ho bisogno di passare attraverso il processo di ottenere un spiegazione. 

Ciò si verifica circa nel momento in cui mi stavano mettendo nell'ambulanza . Lentamente comincio a relazionarmi con il mio corpo di nuovo e poche ore più tardi, sto ancora interagendo con esso.

Solo anni più tardi , dopo molte cose che mi sembravano senza senso, mi sono calmata abbastanza per cominciare a dare un senso a tutto questo . 

Assunzione di farmaci o sostanze che potevano influenzare l’esperienza: 

Le parole non possono contenere l'esperienza, e solo molti anni dopo la mia mente  è stata pronta a dare un "nome" a quello che era successo - le parole che avrei usato per raccontarlo sarebbero rimaste le stesse, ma la chiarezza acquistava più profondità mano a mano che lo condividevo con gli altri - nonostante questo, le parole non ne trasmettono completamente il senso ... sono stato catapultato dal sedile posteriore di un maggiolone VW , attraverso il suo parabrezza, quando si è schiantato frontalmente, a circa 40 km per ora, con una macchina più grande. Sono stato incosciente per diverse ore. 

Qual era il vostro livello di coscienza e vigilanza durante l’esperienza?

Fisicamente, ero "incosciente" e non ero molto preoccupato per quello che stava succedendo al mio corpo. Ero consapevole del personale ospedaliero e di emergenza, della famiglia e degli amici, ma non erano così importanti. Tutte le cose mi erano chiare - per niente confuse. Avevo ancora quello che potremmo chiamare "processo di pensiero", e possedevo completa comprensione..

L’esperienza era come un sogno? 

E' stato come un sogno, in quanto non c'era la limitazione delle teorie fisiche che vengono attualmente accettate. Ma è stato molto più chiaro di un sogno - o del normale tempo da "svegli"…

Hai sperimentato una separazione della coscienza dal corpo?        Si.   

Ero consapevole di essere una forma completamente indipendente ed ero in grado di "vedere" il mio corpo e il mondo fisico quando volevo, da circa 10 metri dal suolo. 

Quali emozioni hai provato durante l’esperienza? Calma, né felicità né tristezza, accettazione, pace e amore senza attaccamento. 

Avete sentito dei rumori o dei suoni insoliti?

Io capivo suoni e rumori, ma non li sentivo - l'unico rumore che mi sembrava di sentire, nel senso in cui normalmente sentivo prima, era il fruscio quando entravo ed uscivo dal corpo.

Sei passato in un tunnel o in un recinto?     Non saprei. 

Era più simile a fuggire attraverso un tunnel - come venire da una profonda immersione in acqua, ma molto, molto velocemente e poi qualcosa di simile al ritorno, ma più graduale e ad imbuto - come galleggiare giù senza restrizioni.

Hai visto una luce?  Si.  Bianca, associata al tunnel. Nera associata con me stessa senza forma. Blu profonda  associata con l'unicità. Tutti i colori dell'arcobaleno sono lì chiamati ad essere.

Hai incontrato o visto altri esseri?  No.

Non c'erano forme di esseri, ma non ero da sola perché ero uno con tutto. Non sentivo nessuna presenza di parenti che erano morti, o di un Dio, ma non ero separata da loro. Sapevo che se avessi bisogno di qualcosa - concetto, forma, comunicazione - avrei potuto sperimentarla, ma non ce n'era bisogno.

Hai sperimentato una revisione degli eventi passati nella tua vita?    No.    

Sembra che non ci sarebbero state abbastanza conseguenze nel rivederli, perché ero ancora una ragazzina [16 anni] - anche se non lo avrei mai accettato in quel momento. Io capivo che quello che ora chiamo karma - gli effetti del nostro corpo, parola e mente, sono ciò che noi sperimentiamo, ma non c'è stata una revisione formale. Ma non mi sorprenderei affatto se ci fosse una revisione la prossima volta. 

Durante la tua esperienza hai osservato o ascoltato cose che riguardavano persone o eventi che potevano essere verificati in seguito?    Si. Posso proprio dire di si.     

Hai avuto la sensazione di tempo o spazio alterati?    Si.   

Non alterati - ma li capivo di più. Il tempo è relativo, lo spazio è infinito e più complesso di quanto la nostra mente possa immaginare.

Hai avuto la sensazione di una conoscenza speciale, di un ordine o uno scopo universale?    Si.  

Era come se fossi parte di un grande computer con dei file che potrebbero spiegare tutto e tutto quello che dovevo fare era guardare, ma sapendo questo, non ho avuto bisogno di guardare. L'ordine universale è l'amore e la pace. Le nostre esperienze attuali dipendono dalle nostre reazioni precedenti alle nostre esperienze precedenti, e le nostre esperienze future dipendono dalle nostre manifestazioni attuali, ma alla base di tutto questo c'è l'amore-energia che è la base della vita. Questo amore-energia non è danneggiato o aiutato da qualcosa di materiale. Non riesco a vedere uno scopo diverso dall'amare e cercare di alleviare le sofferenze altrui - e ho speso molti, molti anni cercando di capirlo - chiedendomi perché non mi sono guardata attorno di più mentre ero lì, invece di cercare di capire tutto adesso (quando è oscuro per me). 

Hai raggiunto un confine o una struttura fisica limitante?    Si.

Ho dovuto scegliere se tornare o andare avanti, ed ero limitata da tale scelta.

Hai avuto conoscenza di eventi futuri?    Non saprei.

Sentivo che potevo facilmente conoscere tutto ciò che volevo. In una occasione precedente, e un paio di volte successivamente, ho fatto dei sogni che erano diversi dai sogni normali ed erano relativi al futuro, o si riferivano ad eventi traumatici.       

Hai acquisito poteri psichici, paranormali o altri particolari doni dopo l'esperienza, che non avevi prima?     Non saprei.

Sono molto più sensibile e sono cambiata per sempre. Io ero, e sono, niente di speciale.

Dopo l’esperienza avete cambiato atteggiamento o convinzioni?    Si.

E' stato un processo lento e lungo per capire. Ho trascorso molti anni tenendomi troppo occupata per elaborarlo davvero, ma il nucleo fondamentale da sapere è sempre rimasto con me: che amare e aiutare gli altri è tutto ciò che conta. Ora che non sto più sto cercando di separare la vita dall'esperienza, e ora che ho un quadro sui cui concentrare me stessa, ho potuto lavorare per avere una vita autentica che riconosce e accetta la realtà di quello che ho vissuto. Mi ha certamente preparata per accettare le cose che hanno senso in questo contesto, e so che sono giuste.

Ho smesso di amministrare programmi di servizio sociale, quando ho realizzato che il mio operare non era così d'aiuto come quello che avrei potuto realizzare se avessi avuto una migliore comprensione della natura della realtà. Così ho studiato da sola per circa 5 anni e pratico il buddismo tibetano da un anno e mezzo. Sono molto meno pericolosa di quanto fossi prima.

Hai condiviso questa esperienza con altri?    Si.     

Con mio marito, con poche persone, in una discussione su un libro  buddista, e con un Lama. Le loro reazioni sono state solidali ed aperte. Ho beneficiato immensamente nel tradurre l'esperienza in parole e in una occasione, una domanda ha aperto un' enorme comprensione (circa il momento della separazione della mia coscienza dal  ''tutto". Ma sto appena cominciando ad aprirmi.)

Quali emozioni hai provato dopo la tua esperienza? Penso che in un primo momento ho bloccato tutto e mi sono concentrata di più sul vetro rotto nella mia testa e le lesioni ai miei amici. E' stato anni dopo che ho cominciato a capire come sono stato benedetta da tutto questo - e che era un dono prezioso.

Quale fu la parte migliore e quale la peggiore della tua esperienza? 

Non c'è stata una cosa peggiore - in effetti, mi faceva male tutto quando sono tornata, ma la pace che sento oggi, ne è valsa la pena.

É cambiata la tua vita in particolare a seguito della tua esperienza? 

Non ho paura, e anche se dimentico sempre ciò che è importante, continuerò a non fare cose che non ritengo utili agli altri.

In seguito all’esperienza hai avuto altri eventi nella tua vita? Medicine o sostanze che riproducessero una qualunque delle parti dell'esperienza?    Si.

Parti o somiglianze con le esperienza, le ho vissute molte volte, in molte circostanze, ma niente di così importante.

Le domande a cui hai risposto e le informazioni fornite descrivono accuratamente ed esaurientemente la tua esperienza?    Si     

Si prega di offrire tutti i suggerimenti che avete per migliorare la www.nderf.orgquestionario? 

Sto ancora capendo la mia esperienza e so che continuerò ad esplorarla. Se sapessi cosa chiedere lo farei, ma apprezzo il vostro lavoro e vi aiuterò in ogni modo che posso.