NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

La ADC di Rena

ESPERIENZA:

Vorrei raccontarvi una storia realmente accaduta molto, molto speciale. Quando avevo sedici anni (adesso ne ho ventotto) frequentavo un ragazzo molto speciale. Si chiamava Edwin e anche lui aveva sedici anni. La nostra relazione era molto profonda ed entrambi eravamo partecipi del cuore e dell’anima dell’altro. Lo so che tutti dicono che a sedici anni non puoi sapere cosa sia l'amore, ma in qualche modo noi lo sapevamo.  Noi sentivamo di essere anime gemelle. Non riesco a spiegare la sensazione, ma in qualche modo sapevamo di essere speciali. Un giovedì sera, il 2 luglio del 1987, lui mi venne a prendere da lavoro e mi portò a casa. Mentre ero seduta in auto ebbi la sconvolgente paura che lo avrei perduto, cosicché non volevo scendere dalla macchina. Lo abbracciai e baciai e gli dissi che sentivo come se in qualche modo lo avrei perduto. Lui mi abbracciò, mi guardò negli occhi e mi disse: “Non mi perderai mai, piccola”. Gli chiesi di chiamarmi non appena fosse arrivato a casa, così avrei saputo che era al sicuro. Lo fece. La sensazione passò. La sera dopo, venerdì 3 luglio 1987, sarei rimasta da lui per il weekend, poiché i miei genitori erano ad Atlanta a cercare una nuova casa. Ci saremmo trasferiti lì alla fine dell’estate.

Quella sera lui mi venne a prendere da lavoro e andammo ad una festa. Alla festa scoppiò una rissa e lui fu accoltellato per errore. Corse al telefono per chiamare aiuto, ma svenne. Io ero accanto a lui, in preda ad una crisi isterica.

Finalmente arrivò l’ambulanza e io la seguii in auto con un’amica e il suo ragazzo. Iniziai a pregare, non con la testa, ma con il mio CUORE, LA MIA ANIMA, IL MIO INTERO ESSERE. Pregai non soltanto Dio, ma anche lui. Volevo che la sua anima mi sentisse. Non volevo che mi lasciasse. Quando arrivammo in ospedale fummo mandati nella sala per i parenti. Ero dall’altro lato della stanza, di fronte alla porta. La mia amica Michelle sedette accanto a me. Ero china in preghiera. Pregavo più intensamente di quanto avessi mai fatto. Michelle continuava a dirmi che tutto sarebbe andato bene. Mentre pregavo con tutto il mio essere, sopraggiunse una sensazione.  Era lui. Mi vengono le lacrime mentre scrivo tutto ciò. Venne verso di me e disse: “Ti amo”. Non posso stare con te in questo momento, ma un giorno staremo insieme. Mi disse: “Ce la farai”. Iniziai a piangere e lo implorai di non lasciarmi. Lui mi disse: “Ricorda che ti amo e abbi fede”. Poi mi disse addio. Gridai e Michelle mi disse che ce l’avrebbe fatta. Io dissi: “No, Michelle. È andato”. In quel momento Padre O' Brian entrò nella stanza e disse che lui adesso era con il Signore. Caddi in ginocchio.

Dopo tutto questo, lui mi venne in sogno. Erano sogni così reali. Sono sicura che lo erano davvero. Credo che lasciargli visitare i miei sogni fosse il modo di Dio di aiutarmi a farcela. Infine i sogni cessarono. Ancora oggi a volte prima di andare a letto desidero che lui torni a visitarmi. Mi manca ancora. Mi chiedo come sarebbe stata la mia vita con lui. Ma mi tengo stretta alle parole che mi disse: “So che un giorno staremo insieme”. Porto avanti la mia vita. Sono sposata e ho una bellissima figlia. Ma l’esperienza che ho avuto con lui non la potrò mai dimenticare. Mai. Sono convinta che l’anima possa raggiungerne un’altra. Non so chi tu sia, so che questa non è stata un’esperienza di pre-morte, ma per me è stata un’esperienza spirituale molto speciale. Un’esperienza che terrò in serbo per il resto della mia vita. Grazie per l’ascolto.