NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE Di Un Prigioniero

TESTIMONIANZA:

Mi chiamo Filippo e vi scrivo a proposito dell'intervista  del Dr Long e per voi in occasione dell'Art Bell Show d'ieri sera che riguarda le EMI.

Il 24 settembre 1995 all’1h30 circa, durante un tentativo fallito di rapina,  sono stato ferito dalla pallottola dello sceriffo della contea. La pallottola mi ha fracassato il ginocchio e perforato l'arteria del polpaccio. Mi hanno detto che avevo avuto un'emorragia durante l'operazione.

Mi ricordo di due eventi distinti. I due differiscono. La prima volta, mi sono ritrovato in procinto di galleggiare al sopra di un tavolo operatorio, in quel momento,  ero molto interessato da ciò che mi accadeva ero inquieto ed agitato. Un proiettore medico si trovava nel mio campo visuale,  mi sono dunque " spostato » verso il basso per osservare al di sopra della spalla di una chirurga.  mi ricordo di aver riso ; (era troppo bassa, era salita su un oggetto per raggiungere il tavolo. Ho visto anche un uomo in tenuta da chirurgo, appoggiato contro un muro e che  ho riconosciuto, era l'ufficiale che mi aveva accompagnato nell'ambulanza e con il quale  avevo approfondito dei rapporti amichevoli.). Questi due particolari sono stati confermati dopo la mia convalescenza. Poi il " bolla » è scoppiata ( non è esatto, ma è la migliore descrizione ) e tutto era nero. Era come addormentarsi, ma lentamente.  Ero a piedi nudi in un bel prato di montagna, avevo quattro anni. A tenere la mia piccola mano paffuta, c'era più bell’uomo che  avessi mai visto. Cento volta più bello di un dio greco ! Una luce emanava da lui, che irradiava l'amore come il sole irradia la luce, sapevo che  ero al sicuro con lui. Era la sensazione più calma e più amorevole che  avessi mai provato. Noi abbiamo cominciato a camminare mano nella mano su una strada che attraversava il prato. Sapevo che mi portava con sé in un posto preciso, ma che il tragitto era ugualmente importante. Vedevo delle cose talmente stupefacenti. Dei colori, delle forme, degli odori, tutti era così chiaro e bello. Era come se vedessi per la prima volta. La mia guida apprezzava molto questa passeggiata quanto me, indicando le cose nuove con il dito e ridendo del mio divertimento. Il solo suono che emetteva era la sua risata che era anch’esso meraviglioso come tutto il resto. C’era un torrente di montagna, il primo grido di un bambino. Il tintinnio di un carillon ed il tuono. Mai  non potrò descrivere questo suono.

Alla fine della strada, siamo arrivati in un posto a strapiombo su una valle. La valle era coperta di nebbia/nubi, così fitte che non si poteva non soltanto vedere in fondo, ma non ci si poteva neppure farsi un'idea esatta della sua estensione. Dalla valle provenivano sensazioni/emozioni che erano così tristi che ho hanno cominciato a piangere. Queste sensazioni erano un dispiacere riempito di nostalgia, molto simile al desiderio per alcune cose non avverate, tutto in tenuto conto che era troppo tardi per cambiarle, ma desiderandole comunque. Anche la mia guida piangeva. Una vita sprecata è troppo triste perché si possa esprimerlo con parole.

La luminosità attorno alla mia guida si è affievolita mentre una luce più brillante e più grande li ha avvolti, ho sentito una voce nella mia testa. La voce diceva: "Filippo, arrivi ora al termine di questo cammino. Ricordati che ti amerò sempre" La luce si è affievolita, la mia guida ha sorriso ed ha asciugato le mie lacrime, la bolla è " scoppiato » daccapo.

Nella sala di rianimazione,  mi sono svegliato in procinto di piangere come un bambino. Ho visto un'infermiera al sopra di me, tentava di calmarmi, dicendomi che era tutto finito, che tutto era andato bene, lei mi ha chiesto perché piangevo. Le ho risposto che avevo fatto un sogno triste. Ha riso e mi ha detto che gli anestetici somministrati durante l'operazione blocca la capacità di sognare del cervello. Mi ha chiesto poi a che cosa avevo sognato.  Non ho potuto raccontarle tutta la storia (lottavo contro il sonno), ma le ho raccontato le parti salienti. Lei mi ha rivelato che i medici avevano avuto, due volte, dei problemi con me ( sono stato sul filo del rasoio per più di sei ore) e che  avevo perso molto sangue. Poi mi ha detto che non credeva si fosse trattato di un sogno, mi ha detto di dormire.  Ho sognato di una vita e di un avvenire migliore per me ed  ho saputo che  era possibile. 

Da allora, ho chiesto ad altri medici se fosse possibile sognare sotto anestesia. Tutti hanno risposto di no. Tento sempre di convincermene, ebbene  ci sono finalmente arrivato. Occasionalmente, poco prima di addormentarmi, vedo le mie guide vicino a me. . Personalmente, penso di aver avuto una descrizione del paradiso e dell'inferno, che non soltanto ho incontrato il mio angelo custode, ma che gli ho tenuto la mano e che ho sentito la voce di Dio.