NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

EMI di un soldato

Avvisiamo il lettore della presenza di particolari raccapriccianti ed immaginose e, presentazione di un racconto sconvolgente.  

TESTIMONIANZA :

Nel 1969, ero in Vietnam, facevo il mio dovere per la patria ed insegnavo agli altri come compiere il loro. Ero istruttore dei berretti verdi per il combattimento a mani nude nella guerra ad oltranza. Per me, il trattamento inflitto ai nemici era come un videogioco come  gli scacchi. Non pensavo per niente al fatto che i nemici avessero realmente una personalità, un nome, dei genitori, una donna, dei bambini, che erano come noi, con timori, scopi, speranze e sogni personali. Era una cosa alla quale semplicemente non pensavo. Per me rappresentavano soltanto punteggi. Più il numero di uccisi era grande, meglio era. La coscienza non pagava all'esercito, un grande numero di nemici abbattuti, sì!

Ero selvaggio, duro e macho. Potevo utilizzare tutte le parti del mio corpo per uccidere. Formavo anche gli altri uomini a mia immagine. Un giorno, ho fatto un po'troppo il boss ed ho corso il rischio pagarne il prezzo definitivo. Sono stato colto di sorpresa e portato via da una granata di mortaio. Galleggiavo sopra il mio corpo, non provavo alcun dolore. Non arrivavo a credere che potessi ancora pensare, di vedere, intendere ed anche sentire. Ho provato a prendere la pulsazione del mio corpo al sotto di me, ma ho subito una grande scossa quando le mie dita sono passate attraverso il mio collo. Sapevo che ero stato ferito gravemente. Un infermiere, che conoscevo soltanto con il nome di Skip, è arrivato e mi sono sentito sollevato. Ha cominciato a chiamarmi per nome chiedendomi se potessi sentirlo. Improvvisamente, mi sono trovato di fronte faccia a faccia con lui, che rispondevo alle sue domande, tuttavia, non riusciva a sentirmi. Ho notato che si era chinato molto vicino al mio corpo, ciò nonostante, noi eravamo di fronte, faccia a faccia. Qualunque sia stata la natura del corpo nel quale mi trovavo allora, mi sono reso conto con grande stupore, che era nel suolo. Solo il mio petto, le mie spalle, il mio collo e la mia testa erano sopra il suolo.

Ho pensato che fosse realmente strano, ma è diventato ancora più stupefacente quando mi sono sentito aspirato verso scavo in trincea e che mi sono improvvisamente trovato in una fossa. Questa fossa era riempita di sangue, di viscere e di pezzi di corpo. Aveva la consistenza di uno stufato di bue denso. Per rendere le cose ancora peggiori, ho visto uomini, donne ed anche bambini piccoli, dalle caratteristiche asiatiche che si trovavano da ogni lato di questo scavo in trincea. Loro mi puntavano contro il dito urlando. Provavano a prendermi mentre sguazzavo aprendomi un varco attraverso quest'orrore nauseabondo in direzione di un punto luminoso  lontano. Questa gente aveva parti del viso, del corpo, delle membra che erano scomparse. Una madre teneva il suo bambino, tutti e due avevano fori di pallottole sul viso. Benché abbiano parlato vietnamita, sapevo che urlavano che ero, in certo modo, il responsabile del loro stato e della loro morte,. Erano così terribilmente spaventosi di quanto che ho provato a rimanere concentrato sulla luce. Sentivo che se avessi potuto raggiungerla, sarei stato salvato. Nessuno di loro mi ha toccato, ma ho comunque la sensazione che ci siano andati vicino.

Uno dei ricordi più frequenti durante questo insopportabile tragitto è quello di una ragazzina gracile di sei anni, la avevo chiamata la signorina Porcelet (perché trascinava sempre nell'angolo mendicando dei prodotti alimentari, delle caramelle e che era sporca). Un giorno, è arrivata al campo, c'era qualcosa di nascosto in una borsa che portava sulla sua spalla. Sembrava sul punto di fare una cosa che sapesse di non dovere fare. L’ho sorvegliata attentamente da una distanza di circa 15 metri ed ho pensato: "Se fa uscire qualcosa di sospetto, sarà della storia antica." "L’ho vista mettere la mano nella borsa e fare uscire qualcosa che somigliava ad una granata." Ho pensato: "Ha una granata in questa borsa, è stata inviata per fare saltare i miei ragazzi!" . Con una sola pallottola, ho allora fatto esplodere la cima della sua testa. Più tardi, suo fratello ha detto ad alcuni ragazzi che aveva provato a trovare un americano che avrebbe potuto nascondere un cucciolo al quale si era affezionata, voleva evitare che facesse parte del pranzo della famiglia quella sera. Molti dei ragazzi mi hanno criticato per avere reagito troppo rapidamente aprendo il fuoco, poiché, a distanza avevo visto soltanto la testa del cucciolo nero e lo avevo preso per una granata. Ho alzato le spalle con il mio modo abituale dicendo: "È una vittima infelice della guerra." . Una delle persone sui bordi del fiume di sangue e di viscere era questa ragazza vietnamita! Urlava contro me con ciò che restava del suo viso. Ero sconvolto e pieno di colpa.  

 

Dopo essere andato in questa fossa, che sembra durasse chilometri, ho sentito la voce del mio migliore amico di scuola, mi diceva che potevo uscirne. Potevo farlo. Sapevo che mi incoraggiava. Un incoraggiamento di cui avevo bisogno per raggiungere la luce.

Il mio amico, Ed, è morto un anno e mezzo prima questa esperienza, in un incidente di caccia. Malgrado ciò, mi ha improvvisamente aiutato ad uscire dallo scavo in trincea sostenendomi calorosamente. Ho risentito un sollievo enorme, l'amore e l'accettazione. Delle lacrime di gioia scorrevano sui nostri volti.  Ehi il mio ragazzo, » ha detto, " so che ciò è stato duro. Ma ne avevi bisogno, eri diventato giusto un  pò troppo duro e ciò non ti somiglia . Non era veramente il Keith che io ho conosciuto quando noi giocavamo al pallone insieme ed andavamo di malavoglia a scuola. ». Mi sono guardato  bene intorno a me e sono stato riempito di riverenza per la bellezza incredibile del posto dove noi ci trovavamo entrambi. Sembrava un prato attraversato da un fiume scintillante. I colori erano ben più vividi che sulla terra. Per la prima volta, ho notato che Ed brillava, ho guardato il mio braccio e anch’esso brillava leggermente. Mi ha detto :  Ciò che tu fai non è giusto, non dovresti  perpetrare questo massacro. La tua missione è di aiutare gli altri a proteggersi. Ne saprai di più sulla tua missione col tempo, ma per il momento tu |ritornare e scoprire totalmente la tua missione. ». non appena detto questo, ho sentito una " musica pop » ed mi sono istantaneamente ritrovato nella sofferenza, steso su un letto di ospedale. 

Più tardi, quel giorno, skip l'infermiere, è venuto a farmi visita. L'ho ringraziato per avermi salvato la vita. Non capiva  come sapevo che era stato lui che aveva tentato di salvarmi, meno ancora come sapevo che aveva gridato il mio nome, che aveva preso il mio polso e lavorato su me finché non erano giunti i soccorsi. Sono semplicemente rimasto evasivo ed io ho deciso di tenere segreto il resto della storia. Diverse settimane dopo, mi sono imbarcato per rientrare a casa ed ho cominciato a studiare per diventare insegnante. Dopo la mia esperienza in Vietnam, sentivo un bisogno imperioso di proteggere le donne ed i bambini. Contribuisco a costruire gratuitamente dei focolari per le donne ed i bambini vittime di un'aggressione ed esuli. Da allora ho vissuto delle esperienze paranormali, ma ne parleremo una prossima volta. Spero di che queste EMI diano un'illuminazione alle vostre ricerche.