NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Lisa M

TESTIMONIANZA:

La mia esperienza di pre-morte si è verificata quando avevo cinque anni, in Russia.  Sono nata e vivevo là quando andai in vacanza sul Mar Nero con mia madre ed i miei nonni.

Quel giorno eravamo andati tutti alla spiaggia. Il mare era agitato. Mia madre mi teneva nelle sue braccia. Ricordo che mi sentivo al sicuro anche se le onde erano enormi, almeno secondo la prospettiva di un bambino di cinque anni.  Era eccitante vederle infrangersi addosso a mia madre e a me, l’una dopo l’altra. All’improvviso, venimmo colpite da un’onda particolarmente grande; mia madre perse l’equilibrio e mi lasciò; io venni portata via dall’onda.

 Per un istante sentii la terribile paura della morte e il mio corpo che percepiva la situazione come una minaccia per la vita. Trattenni il respiro e mi dibattei per trovare un punto di appiglio per salvarmi,  ma, non trovai che acqua.  Acqua dappertutto. Mi sentivo impotente e completamente senza il controllo della situazione.  Allorché realizzai che ogni tentativo era inutile,  che non vi erano appigli a cui aggrapparmi, mi lasciai andare. Smisi di trattenere il respiro, di cercare di salvarmi, di battermi per la vita; decisi di lasciare che le cose andassero per il verso loro.  

Ciò di cui mi ricordo dopo, è un senso mai provato di pace profondissima; non avevo  mai provato nulla di simile in tutta la mia vita.  Mi sentii subito completamente al sicuro, avvolta e protetta da un amore incondizionato e totale – non posso descriverlo diversamente.  Quest’amore mi circondava, era dappertutto ma, al tempo stesso, era anche « me stessa », ossia ciò che io ero, l’essenza stessa del mio essere. Non provavo più paura, né inquitudine, né voglia di combattere per chissà cosa; avrei voluto semplicemente restare là, in questo stato, per sempre.

 Avevo l’impressione di aver infine trovato la mia vera identità. Non vi erano limiti né limitazioni, potevo andare dove mi pareva, sapere qualunque cosa, fare ciò che volevo.  Questo senso di libertà era indescrivibile. Ero consapevole che questa cosa che noi chiamiamo « tempo » era sospesa, non esisteva semplicemente più.

Poi venni portata via da una forza sconosciuta.  Cominciai a muovermi ad una velocità vertiginosa che mi sembrava superare la velocità stessa della luce. Percorsi una distanza enorme, letteralmente « al di là del mondo ».  Non avevo più l’impressione di avere un « corpo », era piuttosto come lo spostamento di un lampo nel buio, che si dirigeva verso un punto di luce che brillava in lontananza; più mi avvicinavo a questa luce, più il mio desiderio di raggiungerlo aumentava.

Appena raggiunsi questo punto di luce,  mi ritrovai in un mondo di luce.    In questo posto tutto era fatto di luce e risplendeva.  Era di una bellezza e di uno splendore indescrivibile.  « Cielo » sarebbe il termine più adeguato, ma non provavo alcun sentimento religioso e sapevo che non c’era niente di simile ad un « inferno ».  Sapevo, senza sapere come né perché, che si trattava di un posto dove ognuno andava dopo la morte, indipendentemente da ciò che era stato e che aveva fatto.

Al centro di questa luce vi era un personaggio maschile che risplendeva di luce ed emanava un amore incondizionato e totale che non aveva assolutamente niente di terreno.  L’essere mi accolse nella sua luce, ovvero mi avvolse in essa; era come se lui mi avesse « presa al laccio ».  Fu come se riconoscessi tutt’a un tratto questo posto :  era a casa mia, il mio vero focolare domestico; io mi chiedevo come avevo potuto dimenticarlo. Avevo l’impressione di ritornare a casa mia dopo un lungo e penoso viaggio in un paese straniero.  L’essere di luce esisteva da molto prima di me e,  di tutto il creato, lui era colui che mi conosceva meglio di chiunque altro.

L’essere di luce conosceva tutto di me.   Sapeva persino tutto quello che avevo pensato, detto o fatto : mi mostrò in un lampo tutta la mia vita.  Mi vennero mostrati tutti i dettagli della mia vita passata, e ... futura,  nel caso avessi deciso di tornare sulla terra.  Tutto avveniva nello stesso tempo : tutti i dettagli di tutte le relazioni di causa-effetto  della mia vita, tutto il positivo e il negativo, tutti gli effetti della mia vita su quella degli altri e tutti gli effetti della vita degli altri su di me.  Non mancava nessun pensiero, nessun sentimento.  Potevo provare i sentimenti ed i pensieri di tutte le altre persone come se fossi stata al loro posto.  Questo mi procurò una comprensione sperimentale di cosa arrechi dolore o gioia alle persone – esperienze positive o negative e gli effetti delle mie proprie azioni. 

Durante questa revisione di vita, l’essere non mi giudicava affatto, malgrado le numerose mancanze che io vi vedevo.  Lui mi mostrava semplicemente la mia vita tale e quale essa era stata per me e mi amava senza condizioni; è questo che mi diede la forza di poterla vedere senza schermi.  Lui lasciò a me determinare cosa fosse stato positivo o negativo e decidere cosa farne.  Non ricordo nessun dettaglio preciso degli avvenimenti che mi vennero mostrati, passati o futuri, ma mi ricordo bene di cosa apparisse della più grande importanza. 

L’essere di luce mi mostrò che le sole cose che importano veramente nella vita erano l’amore che noi proviamo, i gesti d’amore che noi facciamo, le parole d’amore che noi pronunciamo ed i pensieri d’amore che coltiviamo.  Tutto ciò che era stato fatto, detto, compiuto o anche pensato senza amore, era annullato, vanificato, azzerato.  Era senza importanza.  Non esisteva semplicemente più.  L’amore era tutto ciò che aveva importanza, solo l’amore è reale.  Tutto ciò che noi facciamo con amore è ciò che deve esistere. E’ tutto corretto. E’ tutto bene, e l’amore che noi sentiamo durante la nostra vita è tutto ciò che resta una volta che tutte le altre cose (che sono completamente effimere)  svaniscono.

Poi, mi ricordo di essermi trovata in un altro luogo senza sapere come.  Il primo essere di luce era andato via ed io ero circondata da altri esseri o persone che avevo l’impressione di « riconoscere ».  Questi esseri  mi sembravano far parte della mia famiglia, vecchi amici che erano stati con me da tutta l’eternità.  La migliore descrizione sarebbe  « famiglia spirituale » o « famiglia di anime ». Rincontrare questi esseri era l’equivalente di rivedere le persone  più importanti della nostra vita dopo una lunga separazione. Ritrovarsi tra di noi provoca una viva esplosione di amore e di gioia.

Gli esseri comunicavano tra di loro e con me per telepatia. Scambiavamo le parole, direttamente, mentalmente, da spirito a spirito. Noi non avevamo corpo. Eravamo costituti da una sostanza sconosciuta, una specie di concentrazione di luce pura, eravamo come punti di luce all’interno della luce che ci circondava, Tutti quanti sapevano all’istante ciò che gli altri « avevano in animo ».  Non vi era possibilità né bisogno di nascondere qualche cosa agli altri .  Questo genere di comunicazione rendeva ogni malinteso impossibile e ci rendeva uniti in una maniera incredibile.  Noi siamo tutti degli individui, ma allo stesso tempo siamo anche « uno », uniti per sempre da legami indistruttibili d’amore, dalla luce degli altri e dal mondo di luce che ci circonda e di cui siamo parte. 

L’amore che questi esseri emanavano mi ha guarita; ha estirpato da me ogni ombra ed ha cancellato tutto il dolore e l’angoscia accumulati durante la mia vita terrena. La stessa vita vissuta sulla terra mi sembrava lontanissima, anzi, era come se non fosse mai esistita. Sono restata in questo luogo, in compagnia della mia « famiglia dell’anima » per un tempo che mi sembrò un’eternità.  Non vi era né « tempo » (nel senso abituale del termine)  né « spazio ».  Tuttavia vi erano dei posti dove andare e degli spazi di tempo che passavano.  Tutto ciò può apparire contraddittorio ma è il solo modo in cui posso esprimere queste cose.  Spazio senza spazio, tempo senza tempo.  In questo posto non vi è che l’Essere allo stato puro.

A parte le mia « guarigione » e l’immensa gioia di essere assieme, non mi ricordo più cosa abbiamo fatto.  Mi ricordo di questo mondo come di un luogo immenso, gigantesco, senza limiti né frontiere, né individuali nè esterne.  Mi ricordo che tutti gli esseri che erano in questo lugo possedevano una conoscenza totale, completa, che riguardava tutto. Era piacevole, gradevole e bello, al di là di ogni espressione. In questo luogo le « cose » e gli « esseri » erano fatti di luce, tutto era luce, a dispetto dell’individualità di queste « cose » e di questi « esseri ». E’ di questa luce che mi ricordo più di ogni altra cosa; era viva.  Viva. Una luce viva che era tutto, l’essenza di tutto.

 Poi, mi ricordo di essermi ritrovata in presenza dell’essere di luce incontrato per primo e che mi diceva che dovevo tornare indietro.  Io rispose : « Non se ne parla proprio, è fuori questione, io non tornerò affatto! » Era veramente l’ultima cosa che avrei desiderato. La vita sulla terra, piena di buio, di sofferenza, di tristezza, di limiti e di limitazioni aveva l’aria di una terribile prigione a confronto di questo posto meraviglioso, ed io mi rifiutavo con tutte le mie forze di ritornarvi.  Mi venne detto che la mia ora non era ancora venuta, che mi era stata permessa una piccola visita a « casa », ma che dovevo realizzare il mio scopo sulla terra ed adempiere il compito che avevo scelto.  

 L’essere di luce mi ricordò che io mio scopo era di sviluppare l’amore e la compassione e di esprimerli sulla terra, e che il mio lavoro consisteva nell’aiutare gli altri in tutti i  modi possibili. Era questa una scelta che avevo fatto da me stessa. L’essere mi disse che sarei stata di ritorno nel mondo della luce come in un batter d’occhi. « Non ti dimenticare che in realtà il tempo non esiste, esiste solo l’eternità in quanto tale » mi disse.

  Ed allora feci ritorno, sentii di nuovo il mio corpo fisico. Tutti questi ricordi non  riaffiorarono che solo alcuni anni più tardi.  Ma essi erano stati sempre presenti e questo mi aveva dato la forza di far fronte alle difficoltà della mia vita e di aiutare gli altri. Durante tutta la mia vita professionale io ho lavorato per aiutare gli altri in diversi modi.  All’età di 18 anni ho iniziato a lavorare per persone anziane, con malattie senili, morenti, per gente fisicamente ed emotivamente malate.  Ho lavorato con persone affette da aids e da malattia mentale.  Più tardi, ho lavorato nel settore dell’igiene mentale e dell’assistenza sociale, con persone alle prese con difficoltà psicologiche, sociali, esistenziali, emotive e spirituali.  Ho sentito sempre che il mio lavoro aveva un senso profondo, anche prima di ricordarmi della mia NDE.  Adesso, sono terapeuta in psicosintesi, una branca della psicologia transpersonale.

L’esperienza di morte imminente è stata il fondamento del mio interesse incrollabile per il paranormale, il misticismo, l’inabituale e lo spirituale, un interesse che coltivo da sempre, fin da quando posso ricordare; però, ne ho a lungo ignorato il perché per molti anni.  Questo mi ha permesso di esplorare dimensioni sconosciute, di indagare e di trovare risposte, di voler costantemente imparare di più sulla vita, la morte e l’aldilà, di cercare sempre nuovi modi per aiutare gli altri – e questa è per me la cosa più importante che si possa fare nella vita.  Infine, l’esperienza di morte imminente mi ha insegnato tanto sia sulla vita che sulla morte,  e questa lezione continua ancora.

La sua esperienza potrebbe essere stata determinata o influenzata dall’assunzione di  medicine o altre sostanze ? No.

E’ difficile descrivere a parole questo tipo di esperienza?  
Si.

 Potete dire perché ?  Al momento dell’esperienza avevo cinque anni e non avevo termini per esprimerla in parole.  Ancora adesso è difficile perché l’esperienza ha avuto luogo in una dimensione diversa da quella della nostra coscienza ordinaria, una dimensione alla quale le parole non si addicono, il linguaggio verbale è un modo di comunicazione umano, terreno.  Non vi è vocabolario per descrivere il genere di esperienza ed i sentimenti implicati, allora, bisognerebbe quasi inventarne uno.

L’esperienza si è verificata in occasione di un evento che stava mettendo a repentaglio la vostra stessa vita ?  Si.

             Descrivete : Ero sul punto di annegare durante un bagno nell’oceano.

Quel’era il vostro stato di coscienza e di lucidità al momento dell’esperienza?

 Più vigile, più dilatata che mai. In effetti, era come se sapessi tutto di tutto. Conoscenza totale, completa.  Coscienza totale, completa. 

L’esperienza somigliava in qualche modo ad un sogno ? No, era REALE, più reale di qualsiasi altra realtà ch’io abbia mai sperimentato, sia prima che dopo.  In verità, era questa LA REALTA’. E’ per questo che io ho chiamato il mio centro professionale « Reality Center ».   E’ la vita ordinaria che conduco sulla terra, questa vita attuale, che è come un sogno paragonata alla NDE.

 Avete vissuto una separazione tra la vostra coscienza da svegli ed il vostro corpo fisico? Si.

           Potete descrivere la vosta apparenza o forma fuori dal vostro corpo ?

Puro spirito, coscienza pura, senza limite. La nostra sostanza, la mia e quella degli altri esseri incontrati in questo mondo di luce (vedere sopra) era fatto di un concentrato di luce.  Noi eravamo questa stessa luce, la differenza era data dalla densità che variava in funzione delle cose e degli esseri.

 Che emozioni avete provato durante l’esperienza ? Una pace totale, profonda, una gioia strabordante, l’impressione più strana di libertà, un amore incondizionato e che includeva tutto, soprattutto amore. Un amore che nessuna parola può descrivere. Anche una tristezza ed un rammarico profondo nel lasciare questo mondo di luce per tornare indietro.

 Avete inteso dei suoni e dei rumori inabituali? No.

Siete passati attraverso un tunnel o una strettoia?  Non saprei.

            Descrivete :  Io sono passata, ho viaggiato nel buio prima di raggiungere il mondo di luce.  In quell’istante non sapevo che stavo passando attraverso un tunnel.  Non me ne curavo, Volevo solo raggiungere questa luce, allora, immagino che non vi ho fatto caso.

Avete visto la luce? Si.

            Descrivete : Una luce vivente, è tutto, l’essenza di ciascuno cosa e di tutto. Io non ho solamente « visto » la luce perché tutto e tutti  ERAVAMO questa luce stessa.  E’ questa, credo, la base di ciò che molte tradizioni ed insegnamenti spirituali e religiosi hanno descritto come :  essere « uno » con tutte le cose.  Sì, nella sua essenza, ogni cosa è costituita da questa luce, e quindi tutto è vermanete « uno », ed è proprio ciò che ho sperimentato.

Avete incontrato o visto altri esseri ?  Si.

            Descrivete :  Vedi sopra. 

Avete visto gli avvenimenti della vostra vita scorrere davanti a voi?  Si.

           Descrivete : Vedi sopra.

Avete osservato o inteso qualcosa, riguardo le persone o gli avvenimenti, che abbiato potuto poi verificare in seguito ?   Si.

           Descrivete : …nulla che possa essere considerata come una prova. Piuttosto cose che concernono problemi di famiglia e la mia vita personale, cose di cui mi sono poi ricordata più tardi e che « conoscevo » già a causa di questa revisione di vita.

Avete visto o visitato dimensioni, luoghi o livelli di grande bellezza o particolari ?  Si.

            Descrivete : Vedi sopra. Non conosco altri livelli oltre quello in cui ho vissuto la mia NDE.  

Avete vissuto una sensazione di alterazione dello spazio e del tempo ? Si.

            Descrivete :  Niente tempo. Niente spazio. Eternità. Infinito.  

Avete avuto l’impressione di avere avuto accesso ad una conoscenza particolare, collegata ad un ordine o a un fine universale ?  Si.

            Descrivete : Il mio fine personale consisteva nello sviluppare l’amore ed i modi di esprimerlo sulla terra, come pure aiutare le persone in tutti i modi possibili. Per un certo verso, credo che sia il fine di ciascuno, imparare ad amare e a saperlo esprimere. Solo l’amore è reale. Una volta che tutto è scomparso non resta che l’amore. 

 Siete arrivati ad una sorta di frontiera o di punto di non ritorno? No.

Avete avuto cognizione di avvenimenti futuri ?  Si.

            Descrivete : Io so che che mi sono stati mostrati avvenimenti che sarebbero accaduti in futuro e persone che avrei incontrato una volta ritornata ma, sfortunatamente o fortunatamente, ho dimenticato tutto. A volte, in certe circostanza della mia vita, incontro persone che non avevo mai incontrato fisicamente prima e tuttavia io « so », io mi « ricordo » di loro.

Siete stati spinti a dover prendere una decisione riguardo al rientro nel nostro corpo ?  Si.

            Descrivete :  Fu l’aspetto più pragmatico dell’esperienza. L’essere di luce mi ha detto che io dovevo tornare ed io ho risposto : no !  Mi ricordo che l’essere mi trattava un poco come un bambino ; io ero il bambino e lui l’adulto, sul piano spirituale, s’intende.  Lui mi ha fatto come un sorriso dicendomi teneramente, ma fermamente : tu devi andare. E’ il tuo lavoro. E’ la tua parte. Tu devi farla. Poi ho ritrovato il ricordo della mia NDE, e mi sono ricordata pure di questo rifiuto di ritornare alla vita sulla terra ed ho realizzato che era proprio questo all’origine di molte difficoltà e problemi di ordine esistenziale ed emotivo della mia vita. Ho dovuto seguire una terapia e, alla fine, ho finito per accettare di essere quì, di avere scelto questo – cosa che non avevo fatto durante la mia esperienza di morte imminente.

Avete ricevuto doni psichici particolari, paranormali o altro di cui non eravate dotati prima dell’esperienza ? Si.

            Descrivete :  Dopo l’esperienza, ho acquistato una specie di « chiaroveggenza » che mi permette di vedere attraverso e al di là dell’aspetto esterno delle persone, di vedere le loro sofferenze nascoste, i loro desideri, i loro bisogni e le loro aspirazioni, i loro programmi segreti e le loro strategie subcoscienti.  Questa « capacità » mi ha causato qualche problema fino a che non ho appreso a conviverci e ad utilizzarla nel modo migliore. A volte faccio dei sogni precognitivi e ricevo molte « conoscenze » intuitive.   

Dopo l’esperienza, le vostre convizioni/pratiche religiose  sono cambiate?  Si.

            Descrivete :  Non so cosa sarei divenuta senza questa esperienza dato che ero una bambina che ancora non aveva maturato convinzioni o acquisito credenze particolari.  Sono invece certa che è stata questa esperienza che ha fatto di me una persona incline ad una spiritualità spoglia di prerequisiti e di rituali dogmatici o religiosi.  Questo mi ha anche reso molto aperta a concetti come la reincarnazione ; provo più attrazione per le pratiche e gli insegnamenti spirituali orientali che per quelli occidentali, e ancor più per la spiritualità  sperimentale che per tutte le credenze o gli insegnamenti intellettuali. 

Questa esperienza ha avuto conseguenze sulle vostre relazioni ? La vostra vita quotidiana ? La vostra pratica religiosa ?  La scelta della vostra carriera ?    La  « relazione di aiuto » è la sola carriera che volevo e che ho avuto. Era l’unico filo conduttore del mio lavoro, anche se ho spesso lavorato senza essere riconosciuta, ho avuto dei lavori senza  contributi o riconoscimento  sociale  o sotto pagato, in mezzo a gente considerata meno che niente dalla nostra società occidentale,  Ho amato il mio lavoro  e continuo ad amarlo. Questo ha influito in modi diversi sulle mie relazioni ; a volte positivamente poiché io cerco di fare sempre tutto su una base di amore, a volte negativamente poiché ho dovuto spesso far fronte all’incomprensione per quanto riguarda i miei scopi e il mio modo di vedere la vita.  Le cose materiali, i soldi e il « successo » non mi interessano. Le cose che contano, nella mia vita, sono quelle che ho ottenuto dalla mia NDE.  Cerco sempre di approfondire la mia comprensione della vita.  Succede pure che non sempre piace la mia capacità di « vedere » poché spesso si scoprono delle mezze-verità, delle menzogne e simulazioni tra le persone. La nostra società considera questo come del tutto « normale » quando invece da parte mia considero che il modo di comunicaiozne e di interrelazione « normale » è quello di dire tutta la verità, senza simulazioni.  Ho avuto quindi delle difficoltà ad  integrare questa mia facoltà nella vita di tutti i giorni. 

Avete parlato della vostra esperienza con altre persone ?  Si.

            Descrivete :   Reazioni molto diverse, che vanno dalla meraviglia,  alla curiosità, al senso di dubbio profondo, alla paura e al rifiuto.  Naturalmente sono le altre persone sopravvissute ad una NDE che mi comprendono meglio, ma io ho anche trovato persone che temevano la morte -  trovo che questa sia la paura più grande e diffusa nella nostra civiltà occidentale.

Che emozioni avete provato durante e dopo questa esperienza ?   Gioia, meraviglia, pace.  Ma anche tristezza e rammarico perché dovevo ritornare a questa  dimensione di buio, di sofferenza e di limiti ( il nostro mondo non è nient’altro che questo in paragone al mondo di luce).

Potete descrivete gli aspetti migliori e peggiori di questa esperienza ?  L’aspetto peggiore è la paura della morte che ti prende prima che l’esperienza inizi  e, poi, il ritorno.  L’aspetto più bello è stato l’incontro con l’Essere di luce con il quale ero durante la revisione di vita.  E’ stato questo l’essere più importante per me fino ad oggi. 

Desiderate aggiungere qualche altro commento ?  L’esperienza di morte imminente (o di premorte)  è un faccia a faccia,  al tempo stesso, con la morte e con la vita.  Imparare a vivere è imparare a morire e imparare a morire è imparare a vivere pienamente.   Se abbiamo paura della morte abbiamo anche paura di vita. Se abbiamo paura di morire abbiamo anche paura di vivere. 

La vostra vita è cambiata in conseguenza dell’esperienza ?  Si.

            Descrivete : Vedi sopra.

Dopo questa esperienza , vi sono stati altri avvenimenti,  oppure l’assunzione di medicine o sostanze che hanno riprodotto tale esperienza in tutto o in parte ? Si.

            Precisate :  Il lavoro di esplorazione profonda di sé, di meditazione, esperienze spontanee di luce e un insolito senso di pace ; esperienze che si verificano all’interno di relazioni molto strette ed intime.  

Le domande poste e le informazioni che voi avete fornito sono  sufficienti per descrivere la vostra esperienza in modo esatto, chiaro e preciso?   Si. 

            Precisate :  Sono delle buone domande!

Avete suggerimenti per aiutarci a migliorare il nostro questionario  www.nderf.org?

             (Credete che vi fosse una ragione particolare di farvi vivere tale esperienza ? )

           Si.  Credo che i sopravvissuti, che sono disseminati dappertutto nel mondo, hanno attualmente un impatto che contribuisce a cambiare la coscienza collettiva del tempo presente.   Essi presentano una prospettiva basata sulla comprensione universale, l’unità universale, l’umanità universale, la compassione e l’amore universale – cose di cui si ha enormemente bisogno al tempo d’oggi.

Commento NDERF :

Vi incoraggiamo a visitare l’eccellente sito di Lana:

http://clix.to/realitycenter