NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di John F

Esperienza :

             Mentre ero in servizio nella Marina degli Stati Uniti, stavo masticando un uovo sodo e rimasi soffocato.Potevo solo inalareI miei polmoni si riempirono fino a che non potevano riempirsi oltre.Sentivo che se solo avessi potuto   espellere l'uovo dalla mia bocca avrei potuto vivere.   Ho camminato verso una   fontana che era lì vicino e ho aperto il rubinetto dell'acqua.   Ho cercato di   bere e quandol'acqua toccò le mie labbra, ricevetti una scossa di 120   volt.   La mia realizzazione immediata è stata che avevo ricevuto una   scossa elettrica, a cui certamente mi aspettavo di sopravvivere.   Ancora   avevo complete difficoltà respiratorie a causa dell'uovo bloccato   nel mio esofago.   Ho rimosso un pò di uovo con un dito, ma   non potevo respirare.   Stavo provando un certo panico da questo momento   e potei pensare che non c'era un modo per aiutare me stesso a sopravvivere a questo incidente.  Ho pensato al mio Signore e dissi a me stesso. "Almeno io sono cristiano".       

            Ho guardato nella stanza attigua e ho visto il mio supervisore seduto su una sedia girevole   lavorando ad un messaggio radio.   Rendendomi conto che potevo ancora camminare, l'ho fatto fino a raggiungere   la sua sedia.   Non potevo parlare così ho usato le mie ultime energie per prendere a calci la sua sedia   per attirare la sua attenzione.  Egli venne sbattuto a terra e lì giaceva con la macchina da scrivere.   Io sono sul   pavimento vicino al mio supervisore mentre anche io cadevo.       

            Un altro marinaio di nome Joe stava guardando le mie azioni.  Ora ero tranquillo e non stavo respirando.   Stavo sanguinando dal ponte   del mio naso, dopo aver colpito la scrivania mentre cadevo.   In pochi istanti Joe iniziò   a farmi tornare in vita tramite metodi di rianimazione.   Questo è ora chiamato RCP.   Un altro marinaio chiamò un'ambulanza.        

            Ero vicino al soffitto di questa sala a guardare i marinai agendo   per salvare la mia vita.   Mi sentivo bene.   Mi sono reso conto che il   corpo privo di sensi sul pavimento era il mio, ma non ho avuto il minimo interesse per esso.   Stavo   guardando me stesso come gli altri mi avevano visto.   Non c'era riflesso opposto nel guardare   in uno specchio questa volta.   Mi sentivo   bene ed energico e ben presto persi ogni interesse nel guardare i   marinai che lavoravano su mio corpo.       

            Ero sotto forma di spirito, eppure mi sentivo ancora vivo come ero stato   precedentemente.   Suppongo che mi aspettavo di essere morto, ma tutto questo era   così nuovo per me.   Stavo imparando velocemente questa nuova vita e senza   molta preoccupazione per qualsiasi cosa.   Tuttavia questo nuovo modo di vivere   aveva   mi stava facendo sentire perplesso.   Per esempio, quando io pensavo a qualcosa, la facevo   automaticamente.   Ho guardato il muro vicino a me   e il momento dopo stavo attraversandolo.   Ero di nuovo nella stanza dove ero   stato seduto quando mi sono soffocato.   Ho galleggiato intorno   questa stanza a volontà.   Ho viaggiato attraverso le molte radio e macchine telescriventi   senza alcun problema.       

            Ho visto una zona buia vicino alla mia scrivania e ho viaggiato verso essa.   La prossima cosa che sapevo,   stavo entrando in questo nebbia buia.   Una volta   dentro volevo davvero essere fuori.   Stavo per essere travolto da questa cosa.  La sensazione era quella di essere dentro una persona.   Mi sentii allarmato   e smisi di essere lo spirito libero flottante che ero prima.   Alla fine venni rilasciato da questa   zona calda e opprimente.   Era come se fossi dentro   un utero, ma come ciò lo si può immaginare?       

            La mia prossima realizzazione era che ero in un tunnel.   Stimo   le dimensioni di questo tunnel di un diametro di 6-7 metri.  Potevo starci senza toccare la cima.   La mia altezza era di cinque piedi   e dieci pollici.   Immediatamente stavo percorrendo in lungo il tunnel   più velocemente di quanto avrei voluto.   La velocità era incredibile.   Avevo paura.  Da qualche parte lungo il mio cammino in questo tunnel ho rallentato fino a fermarmi   e un uomo mi ha calmato e mi ha detto che il viaggio si stava avvicinando alla fine.  Sono andato via di nuovo alla stessa velocità di prima.   Non lo so   come sono sopravvissuto al viaggio.   La velocità doveva essere alla velocità della luce o ancora più veloce.  Non provavo una forza di accelerazione g, solo la paura e l'euforia   di una velocità terribile.   Finalmente ho smesso di muovermi attraverso il tunnel   ed ebbi una buona occasione per guardare.   Il tunnel sembrava un   tubo di sfiato di grandi dimensioni utilizzati sulle asciugatrici.   La luce non era   in primo luogo all'interno del tunnel, ma brillante dal di fuori   Durante il viaggio all'interno del tunnel ho sentito un forte suono ronzante   che mi faceva male alle orecchie.   Mi chiedevo che cosa sostenesse la galleria.   Poi cominciai a camminare cercando la fine di questo tunnel.  Ero ormai in un'area molto più grande e circondata da una bianca   nebbia e dalla luce del giorno.   Tutte le mie paure del tunnel erano diminuite   dalla luce che stavo vedendo.   Ho sentito voci di persone proprio   fuori di quest'area.   Le voci mi stavano incoraggiando a passare attraverso la nebbia bianca.   Io   camminavo attraverso la nebbia bianca e ho visto circa   una dozzina di persone.   L'istinto mi ha detto che erano tutti marito e moglie.  Avevo visto queste persone prima, ma non riuscivo a ricordare nessuno dei loro nomi.   Un uomo   mi disse di non preoccuparmi di non ricordare i nomi.   Presto qualcuno venne per me.   L'uomo aveva circa 27 anni   di età e indossava levis e una t-shirt bianca.   Le altre   dodici persone indossavano abiti bianchi.   L'uomo che indossava i   levis mi ha spiegato che era la mia guida.   Mi ha spiegato che in seguito avrei   incontrato altre persone ma lui voleva che camminassi   con lui per vedere questo posto nuovo.        

            Abbiamo camminato attraverso i giardini più belli che   avessi mai visto.   Ho osservato in dettaglio i petali dei fiori.  Mentre visualizzavo i prati mi sono concentrato sulle singole foglie di   erba e sono rimasto meravigliato dalla bellezza di ogni foglia.   Quest'uomo   ed io comunicavamo tramite trasmissione del pensiero come avevo fatto con il gruppo di dodici   persone.       

            Ho visto una città con grandi edifici in lontananza.   Gli edifici avevano   il colore dell'oro e la mia guida mi ha detto che erano d'oro.   La mia guida   mi ha detto che se volevo potevo pensare di essere più vicino alla città e lo sarei stato.   Sicuro   abbastanza, ho pensato di essere più vicino e improvvisamente   ero in prossimità della città d'oro.   Ho visto piccole cascate d'acqua in giardini fioriti che erano assolutamente mozzafiato.Mi sentivo così bene.       

            Più tardi la mia guida mi ha consegnato ad un altro uomo e questo uomo   mi ha spiegato che ora avrei gradito fare una revisione della mia vita.  Nel corso di questo esame che è durato circa un secondo o meno,   ho visto   tutto ciò che avevo visto in precedenza mentre vivevo sulla terra.   Ho rivissuto   ogni conversazione che avevo avuto.   Ho visto ogni animale che avevo posseduto.  Ho visto di nuovo ogni capo di abbigliamento che avevo indossato.   Ho rivissuto ogni   classe che avevo frequentato a scuola.   Ho visto tutto di nuovo.       

            E 'stato qui in questo palazzo, che sembrava molto simile a una libreria che   la rivisitazione della mia vita finì.   E 'stato qui che appresi anche che non avrei soggiornato   in questo luogo paradisiaco.   Ero così deluso   nell'apprendere che dovevo tornare sulla terra.   Ho pianto e maledetto quelli intorno a   a me.   La mia guida venne da me e mi portò a vedere due compagni di scuola   che erano morti quattro anni prima.       

            Sono rimasto scioccato nel vederli in vita.   Sulla terra erano stati   giocatori di calcio al liceo.   Un giorno erano in ritardo per l'allenamento di calcio   e il loro allenatore aveva fatto fare loro giri di corsa intorno al   campo dopo l'allenamento.   Questo li mise nello spogliatoio lungo   dopo che gli altri giocatori se ne andarono.   Non c'era acqua calda per   le docce.   I due sedevano in attesa che il boiler producesse   acqua calda per le docce e loro furono intossicati a morte   dai fumi   che esalarono dal riscaldatore a gas naturale di acqua.   Ironia della sorte, uno   dei padri dei ragazzi era l'idraulico che installò il riscaldatore pochi   giorni prima e sarebbe tornato in un altro giorno per installare il   tubo di sfiato verso l'esterno di questa stanza della nuova doccia.       

            Ho chiesto ai due ragazzi perché fossero qui, perché ciascuno era ritenuto che  dovesse essere morto.   Mi hanno spiegato che nessuno mai   muore.   I due ragazzi avevano circa la stessa età di quando li avevo visti l'ultima sulla terra.   Entrambi   sembravano essere felici e contenti di essere   qui.       

            La mia guida mi portò di nuovo a dove ebbi la rassegna della mia vita.  Ho chiesto ancora una volta se potevo rimanere.   Un uomo mi ha detto che dovevo   fare ritorno sulla terra per vivere la mia vita.   Mi sono ricordato dalle mie lezioni in classe di Domenica   che se una persona chiede di vedere il Signore, egli Lo vedrà   .   Ho chiesto di vedere Gesù.   Con la mia guida accanto a me, ho camminato   o galleggiato verso un piccolo palco.   La mia guida mi ha lasciato qui.   Non ho   dovuto aspettare a lungo prima che di sentire una voce su questo palco vicino a dove   mi trovavo.   Una nebbia si stava formando sul palco e ho sentito una voce   chiedermi se potevo vederlo.   Ho potuto vedere solo la nebbia e sentire   la voce.   La voce mi ha chiesto di concentrarmi di più e   sarei stato in grado di vederlo.   Ben presto ho visto Gesù che stava davanti a me.  Mi ha chiesto cosa volevo da lui.   Gli ho detto che avevo appreso che   sarei dovuto tornare sulla terra e non volevo lasciare questo   luogo paradisiaco.   Mi ha spiegato che non avevo ancora eseguito   la sua volontà che aveva stabilito per me nella mia vita.   Gli chiesi   che cosa fossero questi suoi desideri e lui non mi rispose.  Mi disse che avrei saputo al momento giusto, ad un certo momento nel mio futuro.  Gli chiesi di altre cose possibili che poteva fare per me.   Dal momento che   ero nella Marina degli Stati Uniti, in quel periodo, chiesi di essere   trasferito allo Stato del Tennessee.   Gli ho spiegato che   avevo trascorso un mese in questo stato come un ragazzo di dodici anni e volevo   ritornare lì perché lo Stato era bello.   Lui non mi rispose   .   Ho chiesto se l'aveva considerato.   Mi disse che dovevo solo   chiedere una volta e sarebbe stato fatto.   Gesù mi disse le molte cose di cui avrei fatto esperienza nella mia vita.  Ricordo solo quello che lui mi ha detto dopo aver vissuto l'evento.  Mi disse, e mi ricordo questo;   per raccontare a tutte le persone della mia visita   con lui.   Egli mi ha suggerito di dire alla gente che lui è reale.  Un'altra cosa che non dimenticherò mai è la sensazione dell'irradiazione del suo amore   mentre stava vicino a me.   Questo fu l'amore più perfetto che io avessi mai   provato.   Gesù mi disse che sarei stato scortato indietro fino a casa mia sulla   terra presto.       

            Due uomini vennero da me e mi spiegarono che erano i miei   angeli custodi.   Uno degli uomini era stato la mia prima guida.  Non ricordo il ritorno sulla terra attraverso il tunnel.  Abbiamo viaggiato attraverso l'oscurità dello spazio.   Al ritorno   sulla terra ci siamo fermati per un colloquio.   Un angelo custode mi ha detto   che un giorno avrei incontrato una signora e lei sarebbe diventata mia amica molto stretta.   Mi venne detto   che non l'avrei incontrata ora siccome lei   era ancora una ragazza molto giovane.  Questo avvenne nel 1957.   Io l'ho cercata   da allora e credo di averla trovata.   Ma lei vive in   Australia.       

            Mi sono svegliato seduto su un lettino in ospedale.  Ho chiesto ai tre medici se mi era stato dato alcun farmaco   che mi avrebbe fatto credere che era morto e andato in Paradiso.  Hanno detto di no.   Ho detto, "Beh, io sono appena tornato dal Cielo".  Due medici subito uscirono e il terzo medico restante   mi ha detto che non sapeva cosa pensare.