NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Jackie

Descrizione dell’esperienza:   

Avevo circa 7 anni. Mi svegliai con una sensazione come se avessi dei pesi sullo stomaco. Dissi a mio padre che mi faceva male lo stomaco. Dopo qualche minuto, mi misi a sedere e vomitai un' enorme quantitá di sangue. Mio padre mi accompagnó al bagno. Era buio nella mia stanza e lui non si era accorto che io avessi vomitato sangue, finché non lo feci di nuovo. Al quel punto, svenni nel bagno. Mi ricordo di non essere stata preoccupata di cadere, forse perché mio padre mi sosteneva, inoltre non mi era mai successo prima, quindi non sapevo di cosa si trattasse!

Ricordo poco di un'auto che mi portava in ospedale. Poi ricordo che le infermiere cercavano di farmi bere qualcosa al sapore di uva (bario?) in modo da potermi fare la radiografia, ma io continuavo ad avere i conati.  Mi dissero che non mi era permesso vomitare quella roba. Io cercavo fortemente di non farlo, mentre me lo versavano in gola. Ma non potevo controllare la nausea e di nuovo, vomitai un'enorme quantitá di sangue. Credo che in quel momento capirono che i miei genitori non avevano esagertao nel raccontare loro quanto sangue avessi giá vomitato. Smisero di cercare di fare la radiografia (e forzarmi a bere questa roba al sapore d'uva).  Mi ero accorta della loro presenza al mio fianco mentre mi portavano in barella in un'altra stanza. Mi svegliai per un pó e mi accorsi che il dottore mi aveva appoggiato il mio braccio su una specie di tavola e mi stava inserendo un ago. Poi fece la stessa cosa all'altro braccio. Ricordo che il dottore mi diceva qualcosa; forse parole d'incoraggiamento? 

Subito dopo, mi accorsi di galleggiare sopra di me. Potevo vedere i miei genitori dall'altro lato della tenda sul letto a fianco a me. Mia madre stava fumando una sigaretta e mio padre sembrava molto stressato, aveva le mani incrociate sulle ginocchia. Potevo vedermi ma principalmente stavo guardando i miei genitori. (come lo farebbe una bambina di 7 anni). Non ricordo di aver avuto un corpo quando ero sopra di me.

Potevo vedere il mio corpo, ma non potevo vedere la  me stessa che guardava la scena su nell'aria. Poi, ogni volta che cercavo di aprire gli occhi era granuloso e rumoroso, come quando la TV perde il segnale; stesso suono ed immagine. Il mio primo ricordo successivo fu risvegliarmi nel mio corpo ed accorgermi che mia madre era lí. Mi disse che se rimanevo stesa e tranquilla mi avrebbe letto qualcosa. Ricordo di essere andata e tornata varie volte. Sono stata in ospedale per una settimana.  

Quando avevo circa 20 anni, ebbi un problema di ulcera e scoprí di piú su quello che mi era successo e perché. Mi fecero una radiografia gastrointestinale superiore, che ha mostrato che la mia vena giugulare era deforme; probabilmente perché mi era sempre piaciuto dormire con la mia mano rannicchiata sotto il mento. Il dottore disse che secondo lui, anni di dormire in quella posizione, con una leggera pressione del mio dito riposando sulla gola, aveva portato la mia giugulare a piegarsi in una posizione anomala; un pó troppo vicina all'esofago.   Per cui quando ingoiai un pezzo di vetro, questo mi tagliò la giugulare dall'interno della gola. 

Un'altra cosa: molti anni dopo, stavo raccontando a mia madre dell'esperienza. Lei mi disse che quando accese la sigaretta il dottore le gridó di spegnerla. Ma lei continuò a fumare, ignorando il dottore, finché un'infermiera le disse '' spegnila ADESSO o ESCI! ci sono bombole di ossigeno presenti e possono incendiarsi!''

ALLORA, mia madre spense la sigaretta; ma si vergognava che il dottore l'avesse sgridata e che lei avesse dovuto cedere alle loro pressioni di spegnere la sigaretta (lei ha un carattere molto forte!) Mi disse anche che il momento in cui si accese la sigaretta era il momento in cui il dottore chiese piú sangue. L'infermiera disse: '' Vuoi le statistiche del sangue?'' e la sua risposta fu '' Statistica, Diamine! corri e corri veloce… lei é giá morta… ma la possiamo far rivivere se le diamo piú sangue abbastanza velocemente!''. In quel momento mia madre si accese la sigaretta. Io le dissi '' É stato in quel momento che stavo galleggiando e vidi tutta la scena, esattamente come me la stai descrivendo''. Continuammo a controllare altri dettagli di quello che avevo visto. Lei era molto spaventata e nervosa perché avevamo gli stessi ricordi di quello che era successo; e soprattutto perché io cominciai a galleggiare nello stesso momento in cui il dottore disse all'infermiera che io fossi morta.

Assunzione di farmaci o sostanze che potevano influenzare l’esperienza:     Non saprei. Ero molto giovane. Non sono sicura. Gli unici aghi che io rircordi, erano stati usati per darmi piú sangue. Erano gli aghi che il dottore mi aveva messo in entrambe le braccia.    

È stato difficile tradurre in parole l'esperienza?  Si     

Il momento dell’esperienza avvenne in concomitanza con un evento che minacciava la vita?  Si. Mi ero scalfita la giugulare ingerendo un pezzettino di vetro; forse di un bicchiere scheggiato? Il sangue era finito nello stomaco. Quando cominciai a vomitare, peggiorai e mi portarono in ospedale. Fortunatamente, il dottore sapeva che quando il sangue esce fuori, bisogna rimetterlo dentro! Tempo dopo, una radiografia mostró la scalfitura che si era coagulata.   

Qual era il tuo livello di coscienza e vigilanza durante l’esperienza?  Ero cosciente di vedere l'intera stanza ed entrambi i letti con una tenda in mezzo.

L’esperienza era come un sogno?  Non era per niente un sogno; Io ero curiosa e mi chiedevo, con la mentalitá di una bambina, come potevo essere cosí alta da vedere le tende dall'alto? Poi mi resi conto che il mio corpo era ancora lí sotto steso, mentre io non lo ero. La mia mente era molto piú curiosa e sveglia che in un sogno.

Hai sperimentato una separazione della coscienza dal corpo?        Si. Sembrava che non avessi un corpo mentre fluttuavo dall'alto; niente braccia, gambe ecc. Solo coscienza  che ero in grado di vedere attraverso la tenda. Ero pura coscienza. Ad un certo punto, prima di andare piú in alto, mi ritrovai faccia a faccia con me stessa. Poi cambiai posizione in modo da vedermi dall'alto. Se avessi avuto dei piedi, questi sarebbero stati a fianco alla mia testa, mentre il mio corpo giaceva sul letto.  Questa era la posizione che io avevo assunto, perpendicolare al mio corpo sul letto. Potevo vedere il mio corpo, ma non aveva coscienza di avere un corpo mentre stavo sperimentando la mia OBE (esperienza extra corporea ndt).

Quali emozioni hai provato durante l’esperienza?  Ero curiosa e mi chiedevo cosa stesse per succedere. Non ero molto emozionata.

Avete sentito dei rumori o dei suoni insoliti?  Solo il suono della TV quando si guasta, quando la TV é accesa ma non é su nessun canale.                     

Hai sperimentato una revisione degli eventi passati nella tua vita?         

Durante la tua esperienza hai osservato o ascoltato cose che riguardavano persone o eventi che potevano essere verificati in seguito?    Si. Mia madre che fumava, il dottore che le gridava di spegnere la sigaretta. Anche la posizione dei miei genitori, di come erano seduti sul letto; mia madre era vicina alla porta e mio padre vicino al muro.                                                       

Hai acquisito poteri psichici, paranormali o altri particolari doni dopo l'esperienza, che non avevi prima?    Si . Da adulta li ho acquisiti. Qualcuno potrebbe chiamarlo 'istinto materno'.   Ma io so sempre quando sta per succedere qualcosa di molto grave. Per esempio, quando un amico é morto in un incidente d'auto, io stavo sentendo la notizia e SAPEVO che era morto  uno dei miei amici prima che ne dicessero il nome. E quando ho una sensazione forte di pericolo o disagio, si verifica sempre qualcosa di grave. Qualche volta sogno un evento prima ancora che si verifichi. Ogni piccolo pensiero scomodo che faccio, mi preoccupo sempre che si verifichi.  Ma ci sono altre volte in cui sento che qualcosa sta ASSOLUTAMENTE per succedere. Quando ho delle premonizioni su qualcosa di cui sono SICURA sono sempre in uno stato di 'relax', e non sto pensando a niente. 

Hai condiviso questa esperienza con altri?    Si. Ho un' amica molto stretta;   siamo sempre state unite come delle sorelle. Sua figlia stava aspettando un bambino e lei si chiedeva quando il bambino sarebbe nato. Stavamo parlando di varie cose, in generale, includendo questa. Dopo la nostra conversazione, io SAPEVO che il bambino sarebbe nato con due settimane di ritardo, nel giorno del mio compleanno. La chiamai e glielo dissi. E cosí successe!  

Poi, un ese dopo, sua figlia Hannah ebbe un tumore a un tronco del cervello. Dopo la chirurgia, rimase in coma per 4 mesi. Poi ebbe un'emorragia ed aveva bisogno di 32 unitá di sangue. (Tutti gli steroidi che le avevano dato mentre era in coma avevano creato delle ulcere sanguinanti nello stomaco). I dottori sentivano che era tempo di lasciarla andare, mentre era ancora sotto i ferri, sanguinando incotrollabilmente. La mia amica si ricordó quanto io fossi stata precisa sulla data di nascita del bambino, e di quanto ne fossi sicura; gliel'avevo ripetuto molte volte. Cosí mi chiese di Hannah; si sarebbe ripresa o avremmo dovuto lasciarla andare?  Mi giunse fortemente la risposta che Hannah sarebbe stata bene. SAPEVO che sarebbe stata bene e non sarebbe morta questa volta. Glielo dissi alla mia amica e lei disse ai dottori di non spegnere le macchine che la tenevano in vita. Dopo circa 2 ore, cominciarono a controllare l'emorragia. Quando finí l'effetto dell'anestesia, lei sorprese tutti uscendo dal coma! Oggi é viva e sta bene, e non ha riportato danni; solo perché la mia amica mi ha creduto e ha avuto fiducia nella mia visione! 

Quali emozioni hai provato dopo la tua esperienza?  Mi sono sentita sollevata quando Hannah si é ripresa. Mi sarei sentita malissimo se avessi dato delle false speranze alla sua famiglia!

Quale fu la parte migliore e quale la peggiore della tua esperienza?  La parte migliore é sapere che quando moriamo abbiamo un'anima che va su. Io credo in Cristo, ma non ne saró sicura finché non lo incontreró. Ma so di avere un'anima, perché la mia anima, fuori dal mio corpo, vide chiaramente il mio corpo e i miei genitori in un'altra parte della stanza, oltre la tenda.

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere riguardo all’esperienza?  No. Mi chiedo solo perché tutti gli altri vedano luci e tunnel ed io ho solo avuto una visione sgranata e rumorosa come quando la tv é accesa ma non c'é segnale.

É cambiata la tua vita in particolare a seguito della tua esperienza?    No, perché ero molto giovane e pensavo che tutti avessero avuto delle esperienze simili.