NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

NDE di Jack M

Descrizione dell'esperienza:

 

Credo di avere avuto unesperienza unica da condividere, non perché ho avuto una NDE, ma perché mi sono ripreso da essa.

Alcuni anni fa, mi trovavo a Lake Chelan nello stato di Washington. Ero circa cinque metri sotto la superficie, quando qualcosa di affilato mi tagliò facendomi restare senza fiato. Quando accadde, mi si riversò dellacqua nella bocca e nel corpo. Dico riversare perché non ci fu inghiottimento ma piuttosto come se si stesse mettendo della benzina in un serbatoio di unauto.

 

Pochi momenti dopo non vidi più nulla. Mi ricordo che, subito dopo, stavo guardando una sorta di film della mia vita. Non era tutta la storia, come raccontano alcune persone, ma solo memorie attinenti dei bei momenti della mia infanzia. Non so quanto durò ma, subito dopo, mi ritrovai fuori dal corpo, mentre mi dirigevo verso un tunnel.

Mi resi conto che avevo lasciato il mio corpo, ma temevo di voltarmi a guardare. Poi, essendo io di natura estremamente analitica, iniziai ad interessarmi al tunnel stesso. Cerano una varietà di colori, non accesi come le luci psichedeliche, ma piuttosto color pastello e rilassanti. Roteavano insieme allintero tunnel, in un certo senso i colori si muovevano come in un caleidoscopio.

 

Mi ricordo molto bene del fatto che mi stavo muovendo sempre più avanti allinterno di questo tunnel, come pure di essere consapevole di tutte quelle naturali sensazioni che si provano nellavere un corpo, ma di non essere in grado di vederlo. Ad esempio, potevo muovere le dita della mia mano, avendone la chiara sensazione, ma non possedendo una forma fisica per identificarle.

Non ho mai visto una luce accecante davanti a me, né entità divine o altro. Continuavo solamente ad avanzare sempre più in profondità in questo tunnel, e mi divertivo molto. Poi, in modo inaspettato, mi venne in mente che stavo morendo. Dissi qualche maledizione del tipo al diavolo e, proprio in quel momento, mi ritrovai nel mio corpo, vigile e attento.

 

E a questo punto che la storia diventa interessante.

 

Avrei appreso in seguito che ero rimasto sottacqua 5 o 6 muniti. Ricordo di aver ingerito una grossa quantità dacqua prima di perdere i sensi. Bene, mi ripresi in forma perfetta. Mi misi seduto sul fondale come se fossi un nuotatore esperto o un sommozzatore che sta cercando un raggio di sole per sapere da che parte dirigersi. Lo trovai, e nuotai fino alla superficie, e da lì fino alla riva dove mi rimisi in piedi senza alcun segno che facesse supporre che ero stato sul punto di annegare. Ero in forma perfetta, sentendomi bene e in salute come lo ero prima dellNDE.

 

Questo recupero è, francamente, molto più intrigante dellesperienza nel tunnel, perché mi sembra che i polmoni si sarebbero dovuti riempire dacqua o, almeno, sarei dovuto essere debole o qualcosa di simile, mentre stavo bene come se avessi fatto semplicemente una nuotata. Infatti, ritornai al motel dove avevo una camera, feci una doccia, mi vestii e andai al lavoro, non pensando più allincidente fino a qualche anno più tardi, quando alcune persone iniziarono a raccontare le loro esperienze NDE, e mia moglie me ne lesse alcune.

 

Fu a quel punto che dissi ehi, é proprio quello che é capitato a me!.

 

C’é ancora unaltra cosa che potreste trovare interessante: circa cinque anni fa ero in ospedale, e per alcune settimane i medici mi somministrarono un antidolorifico molto forte. Quando me lo tolsero ebbi delle allucinazioni. E qui la cosa importante che vorrei condividere: posso affermare di aver avuto un NDE, e che non ha NULLA A CHE VEDERE con le allucinazioni. Quando si hanno le allucinazioni si assume sempre la posizione di osservatore. Accade così anche quando si è lallucinazione stessa. Questo non significa che talvolta si possa confondere lallucinazione con lesperienza stessa, ma anche in questo caso, lesperienza non ha nulla anche vedere con un NDE.

 

Mi spiego meglio: una persona è consapevole durante un NDE proprio come voi lo siete mentre leggete queste parole, ossia, siete consapevoli che state leggendo, consapevoli della stanza in cui vi trovate, e di ciò che c’é al di fuori di essa. Questa consapevolezza è totalmente diversa da ciò che si prova durante unallucinazione: in unallucinazione manca la consapevolezza di tutto ciò che sta al di fuori dellesperienza stessa. In altri termini, una persona vede o sente realmente ciò che gli accade durante unallucinazione, e queste immagini sono assolutamente reali per lui. Se è attaccato da una tigre, prova paura, ha la sensazione di correre e così via, ma non può proiettare i propri pensieri nella stanza accanto o fuori scena, mentre questo è possibile durante un NDE.

 

Spero che tutto ciò sia interessante anche se, credo, avete già sentito storie simili. Nondimeno, mi avete chiesto di condividere, e questa è la mia storia.

 

Grazie,

Jack

 

Informazioni Preliminari:

Genere:     Maschio