NDERF Home Page NDE recenti Inviaci la Tua NDE

Nella luce divina
della Dott.ssa Susan

ESPERIENZA : 

In questo sabato mattino piovoso dell'Illinois, mi ricordo di questo giorno dell'inverno 1955 in Texas, stavo davanti al lavandino della cucina della nostra nuova casa, pensavo a mio marito arruolato nell'aviazione che era partito la settimana precedente per 3 anni in Inghilterra. Le mie due care figlie, Cathy 6 anni e Carola 18 mese, giocavano accanto a me. Avremmo dovuto raggiungere mio marito qualche settimana dopo. La nostra vita era talmente meravigliosa, eravamo fortunati. Due anni più prima ero atea, ora ero cristiana ed avevo una famiglia ed un focolare cristiano. 

LA MORTE HA BUSSATO ALLA PORTA  

Mentre ero in piedi in cucina, un dolore improvviso mi ha trapassato l'addome, mettendomi in ginocchio. Nello spazio di un'ora, sono stata troppo debole per rimanere in piedi. Mi inquietavo per i miei bambini ed ho chiamato mia madre e mio padre affinché ci aiutassero. In quanto infermiera, sapevo che qualcosa di grave mi era accaduto e tentavo di ragionare sul motivo di questo dolore. La settimana precedente, ero andata dal ginecologo della base aerea perché ‹‹ sapevo » che ero incinta. Dopo la visita, mi ha contraddetto e ha dichiarato che  non ero incinta.  Non l'ho creduto . Mentre ero distesa sul mio letto fra i dolori,  sapevo ciò che i miei sintomi mi annunciavano,  ERO certamente incinta, ma si trattava di una gravidanza extrauterina dove l'embrione si infila una tube di Fallopio invece che nell'utero. Ciò significava che il dolore era dovuto ad una rottura della tube conseguente alla crescita dell'embrione, avevo un'emorragia interna nell'addome. Il nostro pastore e  sua moglie sono arrivati per pregare con mia madre e mio padre. 

LA VITA DOPO LA MORTE  

Il tragitto verso l'ospedale della base è stato doloroso. all'arrivo  hanno detto a mio padre ed  a me di aspettare, sebbene i sintomi fossero già stati comunicati al personale. Finalmente mi hanno sistemata su un lettino in una sala, ho cominciato allora a sentire la mia vita sfuggirmi, i miei pensieri erano per i miei figli e ciò che sarebbe accaduto, che li avrebbe amati e preso cura di loro ? 

La mio udito era eccellente, potevo sentire tutte le parole scambiate nella sala. Due medici erano presenti così come tre assistenti. Potevo dire che erano inquieti quando loro hanno provato a sentire il polso e la pressione. In quel momento,  ho cominciato a galleggiare dolcemente verso il soffitto dove  mi sono fermata ed il mio sguardo si è rivolto verso la scena che svolgeva più in basso. Il mio corpo senza vita era sul tavolo ed un medico ha detto un altro che oltrepassava la porta :  Dove eravate, vi abbiamo chiamato, ora è troppo tardi, lei è andata, non abbiamo né il polso né la pressione. » Un altro medico ha detto :  Che diremo a suo marito, è stato inviato in Inghilterra non è partito che da una settimana. » Dalla mia posizione al sopra di loro,  mi sono detta :  Sì, che andate, cosa dire a mio marito, è una buona domanda. Bene! »  mi ricordo di avere pensato in quel momento :  Come faccio a fare dell'umorismo in un momento come questo ? »

Non mi vedevo più sul tavolo sotto, non più gli occupante la stanza.  ho notato all’improvviso la più celeste del luci che avviluppava tutto. Il mio dolore era sparito e  sentivo il mio corpo come mai prima, libero. Provavo gioia e soddisfazione. Ho sentito la più bella delle musiche, non poteva provenire che dal paradiso, ho pensato :  È dunque così che risuona la musica del paradiso. ». Ho preso coscienza di un sentimento di pace che va aldilà di qualsiasi comprensione.  ho cominciato a guardare questa luce ed a percepire ciò che mi accadeva,  non volevo più tornare.  Ero in presenza di un essere divino che alcuni chiamano figlio di Dio, Gesù Bambino.  Non l'ho visto, ma era là nella luce e mi ha parlato telepaticamente. Ho sentito l'Amore di Dio straripante. Mi ha detto che  dovevo ritornare accanto ai miei bambini e che avevo del lavoro a compiere sulla terra.  non volevo tornare, ma lentamente sono tornata nel mio corpo, che, in quel momento là si trovava in un'altra sala in attesa per l'operazione. Sono rimasta sufficientemente a lungo affinché il personale potesse spiegarmi che il mio cuore batteva daccapo e che  andavo in chirurgia affinché la gravidanza extrauterina così come il sangue nel mio addome fossero rimossi. A partire da questo momento e per diverse ore, non ho avuto coscienza di niente.  

VISITA DIVINA AL CAPEZZALE  

Il cielo aveva un altro messaggio per me e questa volta non ho lasciato  il mio corpo.  Ero a letto in convalescenza in seguito all'operazione: è arrivato il più grande momento della mia vita. La luce celeste è ritornata, riempiendo completamente la camera. Questa volta, una visione di Gesù Bambino mi è apparsa nella luce ed era bello, riempiva la stanza della sua presenza,  l'amore e la misericordia erano presenti. La visione che  ho avuto di lui partiva delle sue spalle finiva in cima alla sua testa. Mi ha parlato telepaticamente dicendo :  Ricordati ciò che  ti ho detto, ricordati di come  mi sono svelato a te e ciò sarà un conforto ed una sorgente stabile per te negli anni futuri, per il lavoro che compirai. Ora, sai che non hai da temere la morte. »  

I GIORNI SEGUENTI  

Nei pochi giorni che seguirono il mio soggiorno all'ospedale, numerosi addetti del personale hanno, per curiosità, trovato dei pretesti per farmi visita nella mia camera. Le notizie viaggiano presto nei reparti medici, tutti sapevano che  sono stata dichiarata morta e che vivevo di nuovo.  Avevo le scritture al mio capezzale, quando il ginecologo mi ha reso visita, l'ha notato e mi ha interrogato sulle mie credenze religiose. Sapevo che aveva sentito dire ciò che avevo scoperto a certi addetti del personale che erano venuti a farmi visita. Erano presenti quando era stata dichiarata morta. Dopo essermi rimessa, ho riferito loro per intero le conversazioni che avevano avuto mentre ero morta. Sono rimasti stupefatti. 

Ho lasciato l'ospedale della base qualche giorno dopo, mentre stavo rientrando a casa, ho visto alla finestra mio figlio e mia figlia di 6 anni che chiedevano di noi.  Mi sono detta nel mio cuore :  Grazie mio Dio di permettermi di ritornare dai miei bambini e di accordarmi il privilegio di essere la loro madre. » Mi ricorderò sempre i loro dolci visi alla finestra.  

GLI ANNI SEGUENTI  

successivamente, abbiamo raggiunto mio marito in Inghilterra e compiuto la nostra missione lavorando con i bambini ed adolescenti. La mia esperienza con la morte ha dato una dimensione più grande alla mia vita ed al mio corso di catechismo per i giovani. Al ritorno negli USA, la mia famiglia si è ingrandita ed ho continuato il lavoro ed istruzione, insegnando la professione di infermiera  in quanto professoressa universitaria. Sono sempre stata riconoscente che mi abbia fatto ritornare sulla terra e di aver avuto una seconda possibilità, il mio tempo qui deve essere utilizzato intelligentemente. Ora sono in pensione e  sono una paziente, avendo un cancro in fase terminale che ha vissuto una vita molto bella. 43 anni dopo l'esperienza che  ho fatto della morte vive sempre nel mio cuore, nella mia anima e nel mio spirito. La misericordia e l'amore di Dio sono durevoli. 

Negli anni ‘50, il modello medico concernente le pratiche osservate dai medici e negli ospedali non aveva posto per il fenomeni di esperienze di morte imminente o di qualcuno che moriva per poi rivivere, illuminati dalle esperienze celesti. La mia esperienza di morte era sacra per me e l'ho custodita vicino al mio cuore.  Non l'ho divisa che con mio marito, mio padre poi più tardi, i miei bambini. Negli anni ‘70, hanno cominciato a pubblicare dei libri sull'argomento a sembra ed  ho scoperto un gruppo di persone che aveva vissuto un'esperienza simile. Tuttavia, parecchie di queste persone diceva aver rivisto la propria vita e di avere attraversato un tunnel.  Non ho vissuto nessuno dei due eventi. Forse rivisitazione della mia vita ha avuto luogo quando sono diventata cristiana, in quel momento ho esaminato la mia vita ed ho confessato i miei peccati a Cristo. È di gran conforto per me sapere che la nostra società sia ben informata al giorno d’oggi e che le ricerche sulla morte e suoi processi progrediscono senza tregua.  

Nota sulla NDERF : Grazie Susan di dividere questa esperienza ispiratrice ! L'esperienza del tunnel non si produce che nel 30% circa di tutte le emi. Credo che le emi diano ciò di cui si ha bisogno e  sono d'accordo con te per dire che l'esame di vita effettuato da te stessa, potrebbe averlo reso superfluo nella tua vita.